SUPERLEGA

Padova, niente colpaccio
contro Trento

26/11/2018 08:35

Non riesce il colpaccio contro l’Itas Trentino, che si aggiudica la partita per 3-1. Dopo aver dominato il primo set, i bianconeri hanno sofferto i colpi dell’ex Nelli, entrato nel corso del match e in grado di cambiare l’inerzia di gioco ai suoi. Col passare dei minuti, Kovacevic & C. hanno trovato fiducia, con la Kioene non in grado di chiudere il terzo set che avrebbe di sicuro riaperto il match. Nonostante una grandissima partita di Volpato e con un Randazzo sempre continuo, i bianconeri raccolgono zero punti. Servirà una reazione domenica prossima nel derby contro Verona.

LA CRONACA

Sostanziale equilibrio nelle prime fasi di gioco, con Randazzo a firmare il primo break grazie al doppio ace che regala il 14-10 ai veneti. L’attacco sull’asta di Vettori porta le squadre in panchina sul 17-13, con gli ospiti meno incisivi al servizio rispetto a Padova. L’errore in pipe di Kovacevic aumenta il divario (19-13) e coach Lorenzetti inserisce Nelli per Vettori. Il muro di Volpato su Russel porta il punteggio sul 23-16 ed è lo stesso centrale bianconero a trovare il set point sul 24-17. Il sigillo del 25-18 lo mette a segno Torres. Nelli rimane in campo e l’attacco di Trento ha maggiore consistenza. E’ proprio l’opposto ex Padova a trovare l’ace del 6-9 con coach Baldovin a riparare in time out. Con Nelli al servizio la Kioene accusa in ricezione e l’errore di Polo regala all’Itas il 13-20. Kovacevic allunga le distanze con una diagonale imprendibile (16-23). La Kioene si rifà sotto con Torres e Randazzo, ma è il servizio sulla rete di quest’ultimo a chiudere 21-25. Immediato time out in avvio di terzo parziale con Torres scatenato (3-0). Padova dilaga con Randazzo (7-1) ma con grande pazienza i trentini recuperano (9-7 ace di Lisinac). Nelli è l’uomo in più (10-11) e per Padova è tutto da rifare. Cirovic prende il posto di Louati e inizia un bel testa a testa con Volpato molto attento a muro (18-16). Il 23-20 di Torres fa esplodere la Kioene Arena ma Trento non ci sta e con l’ace del 23-23 di Russel si riaprono i giochi e si va ai vantaggi. Padova ha l’occasione di chiudere per tre volte ma è Trento a chiudere con il mani out di Kovacevic (29-31). Nel quarto set Trento parte forte con il doppio ace di Kovacevic che stacca sul 4-8. Padova deve rincorrere e l’ingresso in campo di Premovic per Torres prova a dare una nuova spinta ai patavini (15-18). L’ace di Russel sul 16-21 spiana la strada ai trentini. Il rientrante Vettori trova il match ball sul 18-24 e a chiudere la partita è il primo tempo di Lisinac (19-25).

“Abbiamo avuto l’opportunità di portarci a casa il terzo set- spiega coach Baldovin -, ma poi la battuta di Trento ha fatto la differenza. Probabilmente grazie alla vittoria di quel parziale avremmo visto un’altra gara. Peccato perché abbiamo disputato una buona gara. Merito però anche agli avversari che nella correlazione muro-difesa hanno giocato un buon match”.

DOMENICA DERBY A VERONA, POI ARRIVA PERUGIA

Alle ore 18.00 di domenica 2 dicembre la Kioene Padova giocherà in trasferta a Verona contro la Calzedonia. L’appuntamento alla Kioene Arena è fissato invece per domenica 9 dicembre alle ore 18.00 in occasione della sfida contro la Sir Safety Conad Perugia. Le prevendite on-line per quest’ultima partita sono già aperte sul sito www.pallavolopadova.com.

TABELLINO

Kioene Padova – Itas Trentino 1-3 (25-18, 21-25, 29-31, 19-25)

Kioene Padova: Polo 5, Louati 7, Volpato 12, Torres 16, Travica, Randazzo 16, Danani (L); Bassanello (L), Cottarelli, Cirovic 2, Premovic 1. Non entrati: Sperandio, Lazzaretto. Coach: Valerio Baldovin.

Itas Trentino: Russel 18, Vettori 3, Giannelli 3, Candellaro 6, Lisinac 13, Kovacevic 17, Grebennikov (L); Van Garderen 2, Nelli 15. Non entrati: Cavuto, Daldello, De Angelis (L), Codarin. Coach: Angelo Lorenzetti.

Arbitri: Cappello-Florian.

Durata: 24’, 28’, 36’, 28’. Tot. 1h 56’

MVP: Uros Kovacevic (Itas Trentino)

NOTE. Servizio: Padova errori 16, ace 3; Trento errori 22, ace 9. Muro: Padova 9, Trento 16. Ricezione: Padova 49% (29% prf), Trento 58% (35% prf). Attacco: Padova 47%, Trento 49%.


 
Nessun commento per questo articolo.