Terminato il raduno azzurro per Milan

10/01/2019 15:29

E’ terminato oggi il raduno di 3 giorni a Coverciano di Alberto Milan, portiere granata classe 2003, convocato dal tecnico Federale Daniele Zoratto in occasione del Torneo dei Gironi della Nazionale Under 16. Da domani nuovamente a disposizione dell'allenatore Zalla per la gara di sabato sul sintetico del Tombolato contro l’Hellas Verona.

Email inviata con successo

Nazionale Salto con l’Asta all’Y-40

07/01/2019 12:55

Ha trascorso una settimana all’Hotel Terme Millepini a Montegrotto Terme, la squadra nazionale italiana di salto con l’asta FIDAL, durante il periodo di allenamento al Palaindoor di Padova.

Con l’occasione i saltatori con l’asta azzurri Matteo Capello, Max Mandusic, Andrea Marin, Alessandro Sinno, sono stati in visita a Y-40 The Deep Joy, per immergersi nella piscina più profonda del mondo e vivere una prima esperienza in apnea in acqua termale. Assieme a loro c’erano anche le atlete Roberta Bruni e Rebecca De Martin. Coordinati dall’Advisor del settore salto con l'asta Andrea Giannini e con il supporto del tecnico di casa Giorgio Piantella, gli atleti in una pausa tra un allenamento e un altro hanno spostato il loro focus dal volteggiare in aria oltre i 5 metri allo scendere in acqua oltre i -10 metri, scoprendo una nuova dimensione, quella apneistica, particolarmente interessante sia per il rilassamento in acqua termale che per l’allenamento alla respirazione in maniera consapevole. “I ragazzi hanno conosciuto la leggenda dell’apnea, Umberto Pelizzari, e durante la sessione in acqua si sono appassionati a tal punto da volersi immergere nuovamente, questa volta con l’attrezzatura loro: un’asta di circa 5 metri decisamente poco convenzionale all’interno di una struttura subacquea - ha spiegato Marco Mardollo, direttore tecnico di Y-40 The Deep Joy. – Si sono così immedesimati in un salto con l’asta dalle piattaforme di -5 e -6 metri, scavalcando il tunnel trasparente che attraversa la piscina e lanciandosi nel pozzo che scende alla profondità da Guinness di -42,15 metri”.

“È stato un allenamento certamente fuori dal comune – hanno spiegato gli atleti – in cui l’elemento aria è stato completamente sostituito dall’acqua che ha rallentato ogni nostro movimento, consentendoci di analizzare il modo in cui ci muoviamo in volo in maniera diversa e con tempi più lunghi. Fondamentale, poi, e davvero illuminante realizzare l’importanza dei tempi di respirazione attraverso la totale assenza della stessa”.

"È stata davvero una bella opportunità - le parole dell’Advisor Andrea Giannini - oltre ai proficui allenamenti al Palaindoor abbiamo aggiunto questa bellissima esperienza. Oltre al lato puramente ludico credo che sott’acqua si possa creare anche qualcosa a livello tecnico e didattico nel nostro esercizio, analizzando le varie parti del salto in un elemento molto diverso ma decisamente allenante. Torneremo presto e grazie a Y-40 faremo ulteriori esperimenti!”.

Email inviata con successo

Campodarsego vince 3-0 contro Bolzano

07/01/2019 09:06

Il Campodarsego comincia il nuovo anno con un tris d’autorità, un 3-0 netto e mai in discussione che regola la pratica Virtus Bolzano e porta i primi tre punti, meritatissimi, del 2019 per la squadra di mister Andreucci, trascinata anche dai giovani del suo vivaio sugli spalti del “Gabbiano”.

Gara letteralmente dominata dalla squadra di Andreucci, che gestisce il pallino del gioco e crea diverse occasioni degne di nota già nel primo tempo, mentre la Virtus agisce principalmente di rimessa senza creare particolari pericoli. Dopo due conclusioni di Raimondi, col destro al 4′ e col sinistro al 23′, che non trovano lo specchio, la migliore chance della prima frazione arriva al 35′: Raimondi entra in area e, spalle alla porta, tocca per Michelotto, che con un morbido pallonetto a giro supera il portiere ma sfiora solo l’incrocio dei pali. Un minuto dopo, altra grande occasione: il cross morbido di Michelotto arriva sul secondo palo dove Pelizzer irrompe di testa, ma trova la risposta di Weiss. Al 44′, ancora una bella azione: Zane lancia in profondità Scandilori, sul cui cross Vuthaj fa da sponda per Raimondi, che prova la girata ma manda la palla alta. Il Campodarsego, costretto a sostituire nell’intervallo il portiere Cazzaro per un lieve infortunio, passa meritatamente in vantaggio dopo due minuti nella ripresa: Raimondi pesca in profondità Vuthaj, che incrocia di sinistro di prima intenzione e sull’uscita di Weiss lo batte tra le gambe. Gli ospiti reagiscono, producendo la prima occasione della loro gara dopo 54 minuti: Koni calcia in girata, il neoentrato Voltan blocca in presa bassa. I biancorossi commettono l’errore di abbassarsi un po’ troppo: al 12′ per poco Voltan non combina la frittata sbagliando il rinvio e servendo Barilli sulla trequarti, ma riesce a sventare recuperando all’ultimo sulla conclusione di quest’ultimo. La squadra di Andreucci, però, ha il merito di riuscire subito a raddoppiare: al 18′ Vuthaj, largo sulla sinistra, finge il cross e trafigge l’ingenuo Weiss con una beffarda conclusione rasoterra tra palo e portiere. Accusato il colpo, nell’ultima mezz’ora gli altoatesini non producono più pericoli, e il Campodarsego al 33′ triplica con il sinistro di Zane, che Franciosi, entrato dalla panchina, devia in maniera fortuita, ma imparabilmente, alle spalle del portiere.

TABELLINO

CAMPODARSEGO-VIRTUS BOLZANO 3-0

CAMPODARSEGO (4-4-2): Cazzaro (1′ st Voltan); Pelizzer, Leonarduzzi, Seno, Scandilori; Michelotto (30′ st Trento), Caporali (45′ st Dario), Zane, Scapin (38′ st Santinon); Raimondi (25′ st Franciosi), Vuthaj.

A disposizione: Barison, Colman Castro, Rizzolo, Bedin. Allenatore: A. Andreucci.

V. BOLZANO (4-3-3): Weiss; Menghin (15′ st Kicaj), Kiem, Rizzon, Davi; Bacher (4′ st Bounou), A. Kaptina, Cremonini (35′ st Pfeifer); M. Timpone (42′ st A. Timpone), Koni, E. Kaptina (4′ st Barilli).

A disposizione: Tenderini, Pinton, Forti, Marini. Allenatore: A. Sebastiani.

Arbitro: Crescenti di Trapani (Alabiso-Vitaggio).

Reti: 2′ st Vuthaj, 18′ st Vuthaj, 33′ st Franciosi.

Note: ammoniti Vuthaj, Menghin, M. Timpone. Calci d’angolo 4-5. Recupero 2′ e 5′. Spettatori 400 circa.

Email inviata con successo

Il Campodarsego batte Cjarlins Muzane 3-2

24/12/2018 09:37

Il Campodarsego conclude il girone d'andata con una vittoria e torna al successo dopo quattro pareggi di fila: i biancorossi escono vittoriosi dalla battaglia al "Gabbiano" contro il Cjarlins Muzane, avanti 2-0 a metà primo tempo, ma rimontato e superato al 95', in una gara nervosa e folle in cui l'arbitraggio ha scontentato entrambe le parti. L'avvio di gara è abbastanza compassato e, a parte una girata di Vuthaj al 4', non si vedono grandi occasioni da rete. Al 28', però, la gara si sblocca: Del Piccolo si inserisce nell'area biancorossa approfittando di un'indecisione della difesa di casa, Cazzaro lo stende e commette fallo da rigore. Dal dischetto va l'ex Kabine, che non sbaglia. Passano solo quattro minuti, e i friulani raddoppiano: il riflesso di Cazzaro è ammirevole sulla prodigiosa rovesciata di Kabine, ma sulla linea di porta è facile per Bussi insaccare il 2-0. La riscossa passa dai piedi di Zane: il regista biancorosso prima accorcia le distanze, al 40', con una punizione che Calligaro si fa sfuggire dalle mani, e poi pareggia i conti al 24' della ripresa, ancora su calcio di rigore. Un penalty che dapprima la signora Finzi, arbitro dell'incontro, non concede nonostante l'evidente uscita in ritardo di Calligaro su Vuthaj, sanzionato con il fallo in attacco, ma che poi, su indicazione del primo assistente arbitrale, viene legittimamente assegnato: Zane non sbaglia, e fa 2-2. Nel finale accade di tutto: il Campodarsego sfiora il tris con Leonarduzzi e Raimondi, il Cjarlins rimane in dieci per l'espulsione (secondo giallo) di Dussi. Al 95', all'ultimissimo assalto, Franciosi, entrato per il finale, dal limite dell'area indovina l'angolino basso che fa esplodere il "Gabbiano": finisce 3-2, dopo una gara pazzesca ma che, a conti fatti, il Campodarsego ha sicuramente meritato di vincere.

IL TABELLINO


CAMPODARSEGO-CJARLINS MUZANE 3-2

CAMPODARSEGO (4-2-3-1): Cazzaro, Pelizzer, Scandilori, Zane, Seno, Leonarduzzi, Scapin (17' st Santinon), Trento (1' st Raimondi), Vuthaj, Caporali, Michelotto (38' st Franciosi). (Non entrati: Tonello, Dario, Bedin, Barison, Carraro, Rizzolo). All. Andreucci

CJARLINS MUZANE (4-3-3): Calligaro (22' st Scordino), Zuliani, Facchinutti, Parpinel, Tonizzo, Politti, Dussi, Bussi, Smrtnik, Kabine (29' st Migliorini), Del Piccolo (8' st Pez, 35' st Spetic). Non entrati: Massaro, Pisani, Zavan, Ruffo, Moras. All. De Agostini.

ARBITRO: Finzi di Foligno.

RETI: 28' pt rigore Kabine, 32' pt Bussi, 40' pt Zane; 24' st rigore Zane, 50' st Franciosi.

NOTE: ammoniti Cazzaro, Zane, Pelizzer, Vuthaj, Santinon (CA); Zuliani, Dussi, Politti, Calligaro e Tonizzo (CM). Espulso Dussi al 38' st per somma di ammonizioni. Calci d'angolo 4-6. recupero 0' e 6'.

Email inviata con successo

Per Fabian è già iniziata la stagione

21/12/2018 12:48

Per Alessandro Fabian, campione padovano di triathlon, la stagione 2019 è già iniziata. Da giorni si trova a Fuerteventura, in Spagna, per il primo ritiro della stagione con la Jft Crew, la selezione internazionale di triathleti allenati dal CT Azzurro Joel Filliol. “Il rientro è sempre impegnativo. Anche se la pausa è stata breve, ricominciare dopo uno stacco è comunque traumatico, soprattutto quando si passa da allenarsi poco a tre volte al giorno! Ossia dalle 10 ore settimanali alle 30! La preparazione è iniziata bene, sto lavorando per migliorare la performance di gara e tutto lo staff mi sta dando una grossa mano”.

Il bilancio positivo della stagione passata incide sull’umore e sulla fiducia per le prossime gare. “L’infortunio alla clavicola dell’aprile scorso a Bermuda mi ha messo ko per un po’ ma mi ha restituito una solidità che non avevo da tempo e questo mi ha dato la conferma per proseguire sul cammino intrapreso dopo la decisione di congedarmi dal Gruppo Sportivo dei Carabinieri”.

Dopo qualche giorno in famiglia per le festività natalizie, a gennaio il padovano tornerà alle Canarie fino alla prima settimana di marzo quando si sposterà a Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, per disputare la prima gara di WTS in programma l’8 e il 9 marzo. “Il mio obiettivo per il 2019 è di diventare ancora più performante per risultare più competitivo nella World Series, la competizione regina”.

Email inviata con successo

Il re degli scacchi è padovano

21/12/2018 10:01

La sua passione è nata da quando era piccolissimo e non si è mai stancato di giocare con quelle pedine. Il re degli scacchi italiano è Cristiano Quaranta, 32enne padovano residente a Milano che ora si sta preparando per poter gareggiare alla Champions League di uno dei più famosi e strategici giochi da tavolo.

Come riporta il Corriere del Veneto, lui ha vinto 9 scudetti italiani e ora è il momento di fare il grande salto. La sua passione è nata quasi per sfida: da piccolo tutti gli dicevano che era toppo piccolo per giocarci, ma lui ha accettato la sfida e oggi è il numero uno. Oggi è anche capitano della squadra Obiettivo Risarcimento Padova e punta a vincere la competizione europea sempre sfiorata per un soffio.

Email inviata con successo

Padova Nuoto premia i campioni

19/12/2018 09:20

Martedì 18 dicembre, all’ex Fornace Carotta, sono stati accolti gli atleti della Padova Nuoto che hanno ottenuto pregevoli risultati nella stagione appena conclusa 2017-2018. “Per la Padova Nuoto è un onore ritrovarsi con così tanti giovani, nuotatrici e nuotatori delle diverse specialità, per salutare la stagione che si è conclusa e applaudire ai migliori risultati ottenuti – commenta Daniela Bardelle, presidente della Padova Nuoto -. Noi della Padova Nuoto saremo sempre presenti per dare a questi ragazzi tutto il necessario non solo per crescere come atleti, ma anche e soprattutto come persone. Teniamo particolarmente a questo momento di festa e vogliamo dire ancora una volta grazie ai tecnici, alle famiglie, agli amici di questi giovani, e agli atleti, perché tutti loro che ogni giorno lavorano per dare il meglio di sé, sono il nostro orgoglio”.

“È un piacere e un onore essere qui – il saluto di Diego Bonavina, assessore allo Sport del Comune di Padova – Questo primo anno di amministrazione ci ha dato delle grandi soddisfazioni: una delle più belle è stata la recente premiazione degli atleti che hanno ottenuto i risultati più rappresentativi durante quest’anno e due di loro erano Francesco Bettella e Matteo Furlan, entrambi atleti Padova Nuoto. Grazie alle famiglie di tutti questi ragazzi e grazie ai loro allenatori: a loro va il compito di trasmettere la passione per lo sport e farli crescere anche come persone”.

“Prosegue anche per questa stagione il trend positivo del settore agonistico della Padova Nuoto – commenta Guido Taglia, direttore tecnico delle piscine del gruppo -, sia a livello numerico (con tesseramenti in aumento), sia di risultati (i nostri atleti riescono ad emergere ad alti livelli in tutte le discipline ospitate nei vari impianti). Era l’obiettivo che ci eravamo prefissati a inizio stagione con i tecnici dei vari settori e che è stato centrato. Soprattutto il nuoto a livello giovanile ci sta dando grandi soddisfazioni, ma non possiamo dimenticare i nostri fuoriclasse Matteo Furlan e Francesco Bettella, atleti top che si allenano nell’impianto di via Decorati”.

Superospite il campione del mondo e olimpico Francesco Bettella con le medaglie di una stagione memorabile e quelle di Rio 2016. “Ho iniziato a nuotare quindici anni fa, la Padova Nuoto è la mia seconda casa”, ha ricordato l’olimpionico. Accanto a lui, Federica Fornasiero, co-allenatrice insieme a Moreno Daga: “Ho visto crescere Francesco e con lui ho condiviso gioie e momenti tristi; anche per questo, vedere queste medaglie tutte assieme mi fa un grande effetto”. Questi i risultati della sua passata stagione:

- Campionati del mondo, Città del Messico dicembre 2017: oro 50 m dorso S1; oro 100 m dorso S1;

- Campionati europei, Dublino agosto 2018: bronzo 50 m dorso S2. (4° 100 m dorso S2; 4° 200 m stile libero S2);

- Campionati italiani assoluti invernali, Brescia marzo 2018: oro 50 m dorso S1; oro 100 m dorso S1;

Campionati italiani assoluti estivi, Palermo giugno 2018: oro 50 m dorso S2; oro 100 m dorso S2; oro 100 m stile libero S2.

Assente per impegni con la Nazionale di fondo Matteo Furlan, medaglia d’argento nella 25 km agli Europei di Glasgow (agosto 2018), [6° nella 10 km; 5° nel team event]. A livello nazionale: bronzo 5km assoluti fondo indoor primaverili; bronzo 10km assoluti fondo estivi; argento 5km assoluti fondo estivi; oro team event assoluti fondo estivi.

ALTRI ATLETI PREMIATI

- Pentathlon: Sofia Rizzetto, Gaia Gotti, Andrèa Gugelmetto, Mattia Gardin. Allenatori: Sandro Colonna, Alberto Lindaver.

- Nuoto: Esordienti: Jacopo Belluco, Tommy Pier Noventa, Matteo Fasolato, Giovanni Salviato, Federico Bosetto, Matteo Fasolato. Allenatori: Marco Barboni, Alberto Lindaver, Elena Zanon. Giulia Grasso, 1° posto classifica assoluta Circuito alto Adriatico; bronzo 5km campionati regionali di fondo; bronzo nei 200 e 400 stile libero ai Campionati italiani di categoria Roma. Giovanni Carossa, 1° a livello regionale 200-400 misti e 200 delfino; bronzo 400 misti ai campionati giovanili di marzo, bronzo nei 200 delfino ai campionati giovanili estivi. In finale B agli Assoluti di aprile nei 400 misti: Valentina Maggio, campionessa italiana Ragazzi nuoto di fondo in acque libere a Genova nei 5 km, Giulia Maggio, medaglia di bronzo 5 km Coppa Comen, nazionale giovanile di nuoto di fondo; bronzo 5 km Trofeo delle Regioni, Genova. Allenatori: Annachiara Caselli, Carlo Costa, Moreno Daga, Massimiliano Negri, Marco Rossi, Giancarlo Scarmagnani, Titti Scarpari, Kresimir Zubcic, Daniele Ligustri (preparatore atletico).

- Master: Padova Nuoto Master è la società classificata al primo posto del Circuito FIN Grand Prix Veneto - fascia da 16 a 25 atleti. A livello individuale, si premiano gli atleti che hanno partecipato ai campionati Europei Kranj: Monica Vaccari: oro 100 stile libero; Andrea Florit: bronzo 100 rana, bronzo 200 rana; Malcolm Kirkpatrick: 4° 200 dorso, 4° 200 farfalla, 5° 50 dorso. Gli stessi atleti saranno premiati anche per i risultati ai Campionati italiani Palermo luglio 2018: Andrea Florit: argento 50 rana, argento 100 rana, argento 200 rana; Malcolm Kirkpatrick: oro 400 misti, oro 200 dorso, oro 200 misti. Allenatore: Davide Benato.

- Salvamento: Campionati italiani primaverili Riccione: Alessia Bottaro: bronzo 100 ostacoli, bronzo 100 manichino pinne, bronzo percorso misto. Lorenzo Pilone: bronzo 50 trasporto. Daniel Selmin: oro (prove oceaniche) spec. Bandierine. Campionati italiani estivi Roma: Alessia Bottaro argento percorso misto. Lorenzo Pilone: bronzo nei nei 200 superlifesaver, bronzo nel 50 trasporto manichino. Bronzo staffetta 4x25 trasporto: Ginevra Lazzaro, Alessia Bottaro, Alice Zecchinato, Aurora Zecchinato.

- Pallanuoto: Squadre U13, U15, U17, U20: Squadra femminile, 4° posto nel girone Triveneto/Emilia Romagna campionato nazionale femminile serie B. Primo anno di attività. Allenatori: Istvan Moldvai, Enrico Cobalchin.

- Nuoto sincronizzato: Individuali: Maria Vittoria Martinolli, Eleonora Minotto. Numerosi premi vinti dalle coreografie a squadre. Allenatrici: Sara Chiesi Saccardo, Laura Pavan, Chiara Calligione.

Email inviata con successo

Altro pari per il Campodarsego a Trento

17/12/2018 09:24

Finisce 1-1 i big match del "Briamasco" tra Trento e Campodarsego. Bella prova di Raimondi e compagni, che nonostante le numerose assenze sfoderano il carattere e reagiscono subito all'immediato vantaggio locale, pareggiando i conti con un botta e risposta che, dopo l'intervallo, non si schioda più. Immediato vantaggio trentino al 6': Furlan colpisce benissimo al volo e fulmina Cazzaro. Il Campodarsego però non si disunisce, incassa il colpo e comincia a giocare a testa bassa, pervenendo al pari al 28': sul cross perfetto di Michelotto, Raimondi colpisce di testa e fa 1-1. Dopo il primo tempo concluso sul medesimo punteggio, nonostante i tentativi di Zane e Michelotto, nella ripresa i biancorossi patiscono l'avvio sprint del Trento: Cazzaro si supera sulla punizione velenosa di Petrilli, e poi anticipa di un soffio il pericolosa Cristofoli, mentre il Campodarsego si rifà vivo dalle parti dell'area di casa con i soliti Raimondi e Michelotto, guadagnando metri a poco a poco. A due minuti dal 90', poi, Cazzaro è ancora bravo sulla conclusione di Cristofoli: finisce 1-1, un buon pareggio per la squadra di mister Andreucci, anche se si tratta del quarto risultato di parità consecutivo.

IL TABELLINO


TRENTO–CAMPODARSEGO 1–1

TRENTO: Barosi, Badjan, Carella, Trevisan, Furlan, Frulla (19’ st Paoli), Petrilli, Panariello, Roveretto (41' st Bosio), Cristofoli, Sabato. (Non entrati: Conci, Zucchini, Bertaso, Baronio, Romagna, Islami). All. De Paola.

CAMPODARSEGO: Cazzaro, Seno, Scandilori, Zane, Colman, Pelizzer, Michelotto,Trento, Vuthaj, Raimondi (38' st Franciosi), Scapin. (Non entrati: Tonello, Dario, Santinon, Bedin, Rizzolo, Carraro, Pilotto). All. Andreucci.

ARBITRO: Cherchi di Carbonia (Marrazzo-Barcella).

RETI: nel pt 7’ Furlan, 28’ Raimondi.

Note: ammoniti Colman Castro e Panariello.

Email inviata con successo

Il Campodarsego fa 2-2 a Belluno

10/12/2018 14:55

Botta e risposta tra Belluno e Campodarsego: l'anticipo della 14.ma giornata termina in parità, un 2-2 in cui i padroni di casa prima vanno in vantaggio, poi si vedono superare dalla squadra di mister Andreucci prima dell'intervallo, poi nella ripresa riescono definitivamente a impattare. Pronti via, e il Belluno passa già al 2': Miniati e Zigon dialogano in area, e la conclusione incrociata del secondo batte Cazzaro. Il pareggio del Campodarsego arriva al 27', quando Vuthaj arriva sul fondo e crossa, sul pallone interviene con un braccio un difensore e l'arbitro indica il dischetto: Zane si presenta per la trasformazione, e non sbaglia. Nel primo minuto di recupero, un altro penalty permette ai biancorossi di completare la rimonta: come in precedenza, Vuthaj guadagna la massima punizione, e Zane trasforma. Nella ripresa, però, il Belluno al 13' trova il definitivo 2-2; Mosca crossa in area dalla sinistra, e Corbanese incorna realizzando il gol del pari. Nel finale il Campodarsego va vicino almeno tre volte al gol da tre punti, una con Raimondi e in due occasioni con Caporali, ma il punteggio non si schioda più: finisce in parità.

BELLUNO-CAMPODARSEGO 2-2

BELLUNO: Burigana, Quarzago, Mosca, Masoch, Visentin, Petdji, Bertagno, Chiesa (21' st Salvadego), Corbanese, Miniati, Zigon (27' st Pellicanò).

A disposizione: Pozzato, Gava, Pedrini, Sommacal, Spencer, Fiabane, Borgato.

Allenatore: R. Vecchiato.

CAMPODARSEGO: Cazzaro (37' st Voltan), Seno (37' st Barison), Scandilori, Zane, Dario (5' st Leonarduzzi), Pelizzer, Caporali, Trento, Vuthaj, Raimondi (37' st Franciosi), Scapin.

A disposizione: Colman Castro, Salata, Santinon, Bedin.

Allenatore: A. Andreucci.

Arbitro: Colaninno di Nola

Reti: nel pt 2' Zigon, 27' Zane, 46' Zane (rigore); nel st 13' Corbanese.

Email inviata con successo

Per le Lupe basket derby al Taliercio

08/12/2018 09:14

Dopo le grandi emozioni della vittoria al fotofinish con Schio, c'è ancora un derby veneto sulla strada del Fila. Stavolta, se possibile, è ancora più ostico l'impegno che attende le Lupe, di scena al Taliercio sul campo dell'Umana Reyer Venezia, capolista imbattuta del campionato. La sfida si giocherà eccezionalmente alle ore 16 di domani, domenica 9 dicembre, in occasione del Reyer Day che alle 19 vedrà poi la gara di A1 maschile tra Venezia e Varese.

L'AVVERSARIA. Otto partite e otto vittorie fin qui in campionato per Venezia, che in settimana ha anche conquistato il passaggio matematico al prossimo turno di Eurocup. La formazione di coach Liberalotto presenta un gruppo di italiane in gran parte riconfermato, mentre ha rinnovato completamente il proprio pacchetto di straniere. Tra i volti nuovi ci sono l'ala lettone Steinberga, giocatrice di livello super anche per l'Eurolega, la pivot tedesca Gulich e l'americana Jolene Anderson, approdata in laguna dopo tanti anni e successi con la maglia di Schio.

I PRECEDENTI. Per quanto il bilancio negli scontri diretti ufficiali tra le due formazioni rimanga a favore della Reyer (in particolare al Taliercio, dove l'unico successo giallonero risale al campionato 2014/15), lo scorso anno i due confronti sono stati equilibratissimi. All'andata il Fila si è imposto in casa per 65-59 con una straordinaria rimonta, mentre al ritorno a vincere sono state le orogranata col punteggio di 66-59, dopo che le Lupe - alle prese in quel caso con assenze e acciacchi vari, così come non potranno essere nelle migliori condizioni domenica - avevano sfiorato il colpaccio negli ultimi minuti.




Email inviata con successo