IN CASA DI SIENA

La Kioene fa e disfa
La vittoria arriva al tie

03/02/2019 18:06
Vittoria da montagne russe per la Kioene Padova che sullo 0-2, in vantaggio per 13-15 nel terzo set, ad un tratto è stata colpita da uno strano sortilegio. Dopo due set giocati con grande concretezza, ad un tratto ha perso lucidità in attacco subendo i cambi ben organizzati da coach Cichello che hanno dato nuova linfa alla Emma Villas. Al tie break Travica & C. sono riusciti a ritrovare quella continuità necessaria per chiudere il match a proprio favore, con Louati che ancora una volta conferma di attraversare un ottimo momento di forma.

Emma Villas Siena – Kioene Padova 2-3
(21-25, 22-25, 25-21, 25-18, 11-15)

Emma Villas Siena: Cortesia 7, Marouf, Gladyr 13, Ishikawa 22, Hernandez 12, Savani 16, Giovi (L); Giraudo, Mattei 3. Non entrati: Spadavecchia, Vedovotto, Caldelli (L), Van De Voorde, Maruotti. Coach: Juan Manuel Cichello.
Kioene Padova: Polo 7, Louati 19, Cirovic 15, Volpato 13, Torres 15, Travica 2, Danani (L); Cottarelli, Barnes 2, Lazzaretto 1, Bassanello (L). Non entrati: Sperandio. Coach: Valerio Baldovin.
Arbitri: Luciani-Cesare.
Durata: 27’, 28’, 29’, 25’, 17’. Tot. 2h 06’
MVP: Dragan Travica (Kioene Padova)
NOTE. Servizio: Siena errori 19, ace 8; Padova errori 16, ace 4. Muro: Siena 12, Padova 16. Ricezione: Siena 41% (23% prf), Padova 51% (25% prf). Attacco: Siena 45%, Padova 50%.

LA CRONACA. Ottimo avvio per la squadra di casa, che mura bene gli attacchi dei patavini portandosi sul 4-1. Dopo una fase con tantissimi errori al servizio da ambo le parti, la Kioene trova la parità sull’8-8. I padroni di casa trovano un altro break importante sul 14-11, quando l’attacco vincente di Ishikawa costringe coach Baldovin a chiedere time out. La Kioene non molla con l’ace di Louati e il muro di Cirovic su Hernandez, trova il sorpasso (19-20). Ancora una volta Cirovic limita Hernandez a muro (19-22), Torres trova il set ball sul 21-24 e a seguire la pipe vincente di Louati manda le squadre al cambio campo.
Molto combattute le prime fasi del secondo set, con la Kioene a murare Ishikawa sul 9-11. Siena sbaglia troppo in attacco e sul colpo out di Savani coach Cichello chiede pausa di gioco (11-14). Mattei prende il posto di Hernandez ma Travica picchia forte al servizio trovando l’ace del 12-17. La Emma Villas subisce il colpo e con Cirovic allunga ulteriormente (13-20). La reazione dei senesi arriva con Gladyr che trova due ace al servizio accorciando 17-20. Il set ball arriva a Padova con l’ace del 21-24 di Torres. A chiudere è il servizio sulla rete di Ishikawa (22-25).
Combattute anche le prime fasi di gioco del terzo set, ma sulla murata di Louati su Hernandez, coach Cichello manda in campo Mattei per un Hernendez poco incisivo (4-6). Sono attimi concitati in cui la Kioene è brava a tenere i nervi saldi allungando con Volpato e Louati (10-14). L’elastico però continua ed è l’ace di Mattei a costringere coach Baldovin al time out sul 13-14. Gladyr al servizio ribalta il punteggio con tre ace consecutivi (19-16). Siena ci crede mentre Padova subisce il colpo. Barnes prende il posto di Cirovic ma è proprio lui a spedire fuori il servizio del 24-20 e Savani chiude con la diagonale del 25-21.
Avvio col freno a mano tirato per Padova nel quarto set, che sbaglia e subisce andando sotto per 6-2. Savani allunga al servizio (9-3) ma è sul muro di Louati su Mattei che coach Cichello richiama i suoi in panchina (10-7). Padova è poco precisa e sul 15-9 coach Baldovin gioca la carta Premovic per Torres. L’attacco bianconero si tiene in piedi col solo Louati: il servizio out di Polo consegna il primo set balla a Siena sul 24-18 e il muro di Savani su Premovic chiude il parziale.
Rientra Hernandez e sono suoi i punti che valgono il primo break per Siena: 3-1. Col turno a servizio di Travica i bianconeri trovano la parità (7-7) ma al cambio campo si va col mani-out di Ishikawa. Alla ripresa del gioco Torres spinge al sorpasso (9-11). Sul 10-13 coach Baldovin chiama time out con Torres a lamentarsi per un dolore alla caviglia dopo la ricaduta da muro. Cirovic trova il match ball sul 10-14 e il video check conferma l’attacco out di Ishikawa per l’11-15 che consegna il match a Padova.
 
Nessun commento per questo articolo.