Pattinaggio siu ghiaccio prima gara Nazionale

15/02/2019 08:01

Venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 febbraio al Palaghiaccio di Via Geremia si terrà per la prima volta una gara federale nazionale di pattinaggio su ghiaccio.

La 2001 Team è pronta ad ospitare più di 150 atleti nella terza tappa stagionale del circuito nazionale élite (categorie Advanced Novice- Junior- Senior) e nella seconda tappa del circuito nazionale adulti.

Una gara che vedrà scendere in pista numerosi atleti di spicco del settore, provenienti da tutta Italia, tra cui la stella della 2001 Team Ice Skate Academy Lucrezia Gennaro, grande favorita in gara élite senior (Sabato 16 ore 16.15 lo short program), reduce dall’argento conquistato al Sofia Trophy in Bulgaria una settimana fa e dall’ottimo posizionamento nei Campionati Europei di Minsk (diciannovesima).

Si esibiranno per conquistare il titolo anche le altre portacolori 2001 Team: Federica Grandesso, reduce dalla quarta posizione al Sofia Trophy in Junior (Junior, sabato 16 alle 17.21 lo short program), Carlotta Cavasin (Advanced Novice, venerdì 15 alle ore 14.45 lo short program) e Alessia Piasentini (Advanced Novice, venerdì 15 ore 17.36 short program), argento Advanced Novice al Sofia Trophy.

Le gare prenderanno il via venerdì 15 febbraio alle ore 14.00, e termineranno alle ore 18.30 di domenica 17 febbraio. Tutte le gare in diretta su Idealweb.tv.

Email inviata con successo

Sincronizzato, buoni risultati per Plebiscito

14/02/2019 08:32

Si sono conclusi domenica 10 febbraio i Campionati Italiani Assoluti Invernali, con ottimi risultati da parte di tutte le atlete C.S. Plebiscito Padova.

“Sono molto soddisfatta dei risultati che abbiamo ottenuto in questi Campionati Italiani Assoluti Invernali - commenta il tecnico Joey Paccagnella -. Abbiamo migliorato tutti i piazzamenti rispetto alla stagione scorsa, ma il salto più grande l’abbiamo fatto con l’esercizio di squadra, avvicinandoci tantissimo alle grandi di questo sport, arrivando a mezzo punto dall’Aurelia Nuoto che fino all’anno scorso andava a podio. Sono davvero orgogliosa del lavoro che abbiamo fatto, ho avuto la squadra al completo solo negli ultimi 10 giorni, perché Veronica Gallo è stata quasi sempre impegnata nei collegiali con la Nazionale Assoluta, quindi il tempo per prepararla è stata pochissimo. Nonostante questo, facendo doppi allenamenti, siamo riuscite a portare un esercizio di altissimo livello, tant’è che qualche giudice nella propria classifica ci aveva inserite in terza posizione. Per la coreografia ho ricevuto molti complimenti per la coreografia, è stata apprezzata da tutti. Sicuramente questo è un punto di partenza per continuare a migliorarci ancora, già nel Campionato Estivo, dove porteremo un esercizio di squadra libero (mentre in questo campionato c’era il programma tecnico). Ho creato una coreografia nuova, ugualmente incalzante come quella presentata a Riccione, su cui lavoreremo per avvicinarci ulteriormente alle grandi squadre d’Italia”.

I RISULTATI

Solo Misto - prima posizione per Cerruti (Marina Militare) a 94.267 punti:

• 9° posto: Veronica Gallo 9^ (82.133 punti)

• 13° posto: Paola Tombacco (80.300 punti).

Duo - prima posizione Cerruti/Ferro (Marina Militare) con 94.233 punti:

• 7° posto: Finco/Gallo (82.900 punti)

• 13° posto Tombacco/Lazzaro (78.700 punti).

Squadra – prima posizione Fiamme Oro A con 88.574 punti:

• 5° posto: Finco, Gandini, Rubinato, Tombacco, Marzaro, De Mari, Gallo, Lazzaro (81.562 punti)

Allenatori: Joey Paccagnella, Daniela Rocci, Manuel Filippone.

Email inviata con successo

Giapponesi a Cittadella per un giorno di sport

13/02/2019 15:27

La squadra giapponese della Himeji Dokkyo University ha concluso oggi l’esperienza a Cittadella in collaborazione con Sport Events Society e Giampaolo Colautti.

Dopo aver assistito alla gara di sabato contro lo Spezia dalla Tribuna Est, i 27 atleti classi 1999 e 2000, accompagnati dal Professor Chikara Shoji, hanno sostenuto tre allenamenti sul sintetico del Tombolato e affrontato Primavera e Under 17 in due test match.

Email inviata con successo

Atletica:record italiano e una doppia medaglia

12/02/2019 09:07

Questo inizio di 2019 continua a mettere in evidenza una strepitosa Ayomide Folorunso, con acuti anche di Marcel Jacobs e Roberto Bertolini e ottime prestazioni dei giovani, Nazareno Sacchetto su tutti.

Domenica 10 febbraio a Metz (Francia) Ayomide Folorunso ha realizzato la migliore prestazione italiana dei 300 metri al coperto con 37”38, polverizzando il 38”8 di Daniela Ferrian vecchio di più di 30 anni (Torino, 17 gennaio 1987). Per la terza volta in questa stagione, davanti a lei c’è solo la campionessa continentale dei 400 ostacoli Lea Sprunger (36”72). Dopo essere diventata la terza italiana di sempre sui 400 metri indoor con 52”57 – miglior crono azzurro degli ultimi 20 anni – l’atleta della Polizia di Stato risulta così la donna più veloce d’Italia sui 300 metri al coperto.

Dopo due anni sabbatici in cui si è dedicato solo alla velocità migliorandosi fino a 10”08 sui 100 metri, Marcel Jacobs è tornato al salto in lungo toccando due volte la fettuccia degli 8.05 metri nel meeting Iaaf indoor di Madrid, risultando secondo solo al campione europeo Miltiadis Tentoglou (8.23 metri).

Tornando in Italia, ad Ancona erano previsti i campionati italiani allievi (9-10 febbraio) e anche questo weekend le Fiamme Oro hanno collezionato un argento ed un bronzo. Questa volta le medaglie sono opera di un solo atleta, Nazareno Sacchetto, allievo di Gianluca Cusin, responsabile della sede Fiamme Oro di Monselice. Proprio qui c’è un impianto ristrutturato di recente dove il 18 maggio si correranno i campionati italiani assoluti dei 10 mila metri su pista, con la macchina organizzativa, capeggiata dalle Fiamme Oro, che è in piena attività. Tornando al racconto gare di Ancona, Sacchetto nella prima giornata ha vinto la sua batteria dei 60 metri in 7”07, volando poi al primato in 6”93 e cogliendo il bronzo in finale con 7”02 dietro Matteo Melluzzo (6”81) e Enrico Sancin (7”00). Il giorno dopo, Nazareno in batteria ha migliorato il suo primato sui 200 metri con 22”36, aggiornandolo ulteriormente in finale con 22”28, dove ha colto uno strameritato argento dietro Christian Previtali (22”18).

Spostandosi ai salti, la medaglia d’oro del pentathlon allievi Lorenzo Pezzolato si è migliorato nel lungo saltando 6.71 metri (8° posto) mentre è incappato in una giornata no il giorno dopo nell’alto giungendo settimo con 1.88 metri e restando lontano da quei 2 metri che gli avrebbero regalato la medaglia. Buon ottavo posto nel salto in lungo anche per Silvia Sciurba, al primato con 5.57 metri, mentre ha concluso la sua avventura in semifinale sui 60 metri Matteo Andrioli con 7”28, migliorando comunque se stesso in batteria con 7”22. E’ stato costretto al ritiro invece Enrico Disarò nei 5000 metri di marcia.

In tema di lanci due grandi prestazioni sono state ottenute proprio a Padova allo Stadio Colbachini: il capitano delle Fiamme Oro Roberto Bertolini ha aperto il suo 2019 con 77.85 metri, misura che rappresenta il suo migliore lancio d’esordio di sempre. Nella stessa gara il giovane padovano Alessandro Ferro, allenato da Silvia Carli, ha migliorato ancora il suo primato con 58.89 metri.

Email inviata con successo

Medaglia di bronzo per l’hockey indoor

11/02/2019 12:10

Medaglia di bronzo per il Cus Antenore Energia. Nella final four del campionato di hockey indoor femminile, disputata a Bra (Cuneo), la squadra allenata da Daniela Possali finisce terza, imponendosi per 3-2 nella sua ultima partita, grazie ai gol di Conforto, Mezzalira e Matteraglia. A impreziosire il risultato anche il premio di miglior portiere andato alla portacolori padovana Ester Benvenuti.

A laurearsi campione d’Italia è invece l’Hockey Femminile Lorenzoni padrone di casa, al 19° titolo della sua storia e capace di imporsi per 3-1 in finale sul Pisa. Il torneo, a cui il Cus si è qualificato vincendo la fase interregionale, è iniziato con le partite del girone, che ha visto le universitarie padovane cedere con il punteggio di 2-3 prima contro il Pisa e poi col Lorenzoni, per pareggiare 1-1 con l’Argentia nella terza gara. In base alla classifica, le amaranto-oro hanno avuto accesso alla finalina ancora con l’Argentia, vinta, appunto, per 3-2.

Questa medaglia fa il paio con l’argento conquistato nelle finali Under 14 dai ragazzi di Massimo Corrado nel fine settimana precedente e, si spera, possa essere riposta in bacheca assieme a un altro alloro: nel prossimo weekend toccherà infatti alla prima squadra maschile misurarsi con le finali scudetto di Bologna.

La prima squadra femminile: Ester Benvenuti, Anna Laura Faggion; Angelica Bellan, Rebecca Conforto, Anna Matteraglia, Chiara Mezzalira, Chiara Molfese, Martina Perani, Angela Scudier, Lisa Tognetto, Giulia Valente, Sofia Varotto. Allenatrice: Daniela Possali.

Email inviata con successo

La Lantech cade ancora: quarta in classifica

11/02/2019 10:26

Terza giornata di ritorno nel campionato di serie A1 femminile di pallanuoto: sconfitta 8 a 7 contro Rapallo per la Lantech//Longwave Plebiscito Padova, nello scontro valido per il mantenimento della seconda posizione in classifica. Complice la vittoria di SIS Roma su Orizzonte Catania (in testa con 30 punti), le patavine scivolano al quarto posto (25 punti), superate da SIS Roma (26 punti), Rapallo Pallanuoto (28 punti).

“Molto male” commenta il tecnico Stefano Posterivo “abbiamo subito fin da subito la voglia di vincere, la determinazione e la voglia di riscatto del Rapallo. Sono state molto più determinate di noi, hanno impostato subito la partita con un ritmo alto che noi abbiamo subito a livello psicologico. Ci siamo trovati a fine secondo tempo in svantaggio per 7 a 2, un divario troppo grande, e anche se nei due tempi finali abbiamo giocato meglio provando a rimontare, non abbiamo avuto la lucidità necessaria per recuperare una partita comunque compromessa. Abbiamo commesso tanti errori, e non va bene. Ora lavoreremo per riprenderci, anche dal punto di vista motivazionale”.

Prossimo impegno, e possibilità di riscatto, sabato 16 febbraio ore 18.00 in casa contro RN Florentia, al quinto posto in classifica con 17 punti.

TABELLINO

RAPALLO PALLANUOTO-PLEBISCITO PADOVA 8-7

RAPALLO PALLANUOTO: Lavi, Zanetta, Viacava, Avegno 3, Marcialis 1, Gagliardi, Giustini 1, D'amico, Emmolo, Zimmerman, Genee 3, Cocchiere, Risso. All. Antonucci

PLEBISCITO PADOVA: Teani, Barzon 1, Savioli, Gottardo, Queirolo 1, Casson, A. Mi, Dario 1, Grab 1, Ranalli 1, Meggiato, Armit 2, Giacon. All. Posterivo

Arbitri: Collantoni e Braghini

Parziali: 3-1, 4-2, 1-2, 0-2

Uscite per limite di falli Genee (R), Barzon (P) e Dario (P) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Rapallo 4/10 + un rigore e Plebiscito 3/13. Avegno (R) sbaglia un rigore nel quarto tempo (palo). Spettatori 150 circa.

Email inviata con successo

L'Adriese batte il Campodarsego 2-0

11/02/2019 10:15

Sfortunata sconfitta per il Campodarsego in quel di Adria: lo scontro diretto del "Bettinazzi" finisce a favore dei padroni di casa, che nel primo tempo sono salvati dalla traversa, e nella ripresa, dopo un clamoroso rigore negato a Vuthaj, portano a casa i tre punti grazie al gol fortunoso di Marangon e al raddoppio nel finale di Buratto. In avvio partono meglio i padroni di casa, che costruiscono due occasioni con Marangon (sinistro a lato al 3′) e Aliù (girata alta all’8′). Il Campodarsego, a poco a poco, prende però metri e coraggio, sistema qualche balbettio iniziale in mezzo e col passare dei minuti alza il baricentro. Al 28′, sulla punizione di Franciosi, Leonarduzzi svetta di testa ma manda alto, ma la migliore occasione del primo tempo arriva al 38′: altra punizione di Franciosi, la difesa respinge e Zane, dal limite con un meraviglioso sinistro al volo, stampa la sfera sulla traversa.

Ad inizio ripresa nessun cambio nelle due formazioni. Al 4′ Campodarsego subito pericoloso: sul corner di Caporali vistosa trattenuta ai danni di Vuthaj (non sanzionata), la palla arriva sul secondo palo a Seno che però conclude alto. A sorpresa, al 6′, è però l’Adriese a passare in vantaggio: Marangon batte una punizione da distanza notevole, la barriera devia la sfera e Cazzaro non può farci nulla. Il Campodarsego non ci sta: al 10’la girata al volo di Franciosi non impegna severamente Kerezovic, al 17′ ci prova anche Vuthaj in rovesciata ma colpisce male. L’Adriese riprende a spingere, costringendo per qualche minuto il Campodarsego a contenere, e a provare la ripartenza anche sfruttando gli ingressi di di Michelotto e del debuttante Nnodim. Andreucci prova anche la carta Giorgi, ma al 35′ i padroni di casa chiudono i conti: lancio di Marangon per Busatto che sfugge alle spalle della difesa e batte Cazzaro in uscita.

ADRIESE-CAMPODARSEGO 2-0

ADRIESE (4-3-3): Kerezovic; Anostini (34′ st Scarparo), Meneghello, Boscolo Berto, Boldrin; Boreggio, Pagan, Delcarro; Aliù, Marangon, Santi (30′ st Buratto). (Non entrati: Milan, Boccioletti, Busetto, Tomasini, De Costanzo, Nicoloso, Toffano). All. Florindo.

CAMPODARSEGO (4-4-2): Cazzaro; Seno, Leonarduzzi, Colman Castro, Scandilori; Caporali (34′ st Giorgi), Pelizzer (20′ st Michelotto), Zane, Scapin (21′ st Nnodim); Franciosi, Vuthaj. Non entrati: Tonello, Trento, Barison, Dario, Campanati, Santinon.

Allenatore: A. Andreucci.

ARBITRO: Scatena di Avezzano (D’Angelo-Brizioli).

RETI: 6′ st Marangon, 35′ st Buratto.

Email inviata con successo

Le Lupe a Ragusa ci provano ma non basta

11/02/2019 09:13

Il Fila sfiora una clamorosa rimonta sul parquet di Ragusa, recuperando dal -15 fino a ritrovare la parità a 5' dalla sirena. Alla fine è la Passalacqua ad aggiudicarsi quella che è la sua decima vittoria negli ultimi undici incontri, anche se una volta di più le Lupe hanno dimostrato di essere una squadra che non si arrende mai. Il tutto nonostante la formazione giallonera fosse scesa in Sicilia con solo 8 giocatrici arruolabili, visto il forfait dell'ultimo minuto di Sandri, rimasta a casa per un attacco febbrile, e con Dotto in panchina ovviamente solo per onor di firma.

1° QUARTO. L'avvio è subito scoppiettante, con Marshall e Keys a rispondere da fuori ad Harmon e Kuster (4-8 al 2'). Appena in attacco calano un po' le percentuali, tuttavia, la squadra di casa infila un break di 8-0 che obbliga coach Abignente al primo timeout. Ma ora la Passalacqua è in ritmo ed è brava a sfruttare il contropiede, in particolare con una Hamby da 13 punti nel solo primo quarto. Il parziale si allungherà addirittura fino al 19-0 (23-8 all'8'), prima che i liberi di Webb sblocchino finalmente le ospiti. Si va alla prima pausa con un canestro di Fietta sulla sirena che interrompe una lunga siccità, anche se le Lupe sono a -12 con già 26 punti concessi.

2° QUARTO. Il Fila prova a scuotersi con la tripla allo scadere dei 24" di Pastore, e quando Webb la imita le giallonere sono tornate a -7, sul 28-21 (13'). La difesa ora tiene molto meglio le Aquile biancoverdi, esponendo meno il fianco al contropiede, e con tre canestri in fila di Marshall le ragazze di Abignente recuperano quasi tutto il gap (29-28 al 17'). Dall'altra parte è il 2+1 di Hamby a sbloccare la squadra di casa, ma ancora con Marshall (12 punti nel quarto, compreso un altro buzzer beater sulla sirena) il Fila tiene la partita in equilibrio: 39-34 il punteggio a metà gara.

3° QUARTO. Al rientro in campo il punteggio rimane bloccato per oltre 3', con le difese a prevalere sugli attacchi. Poi Webb firma 7 punti consecutivi, riportando per tre volte le sue a -3 (44-41 al 25'). I ritmi si sono improvvisamente alzati, e quando Hamby e Romeo firmano in un attimo il 51-43, serve un timeout per riprendere fiato. È Tognalini con due canestri d'autore a tenere a contatto il Fila (53-49), e poi il terzo centro sulla sirena di fine quarto - firmato stavolta Melnika - fissa il 58-53 dell'ultima pausa.

4° QUARTO. Con un bell'arresto e tiro Keys trova ancora il -3, e poi la tripla di Tonello vale anche il 60-58. San Martino ci crede, e la penetrazione di Webb permette al 35' di ritrovare la parità a quota 60. C'è anche più di un'occasione per il sorpasso, che però non arriva, e dall'altra parte il minibreak di 4-0 firmato Kuster ha un peso specifico importante. Nel frattempo una botta toglie dalla partita Tognalini, e la tripla dell'ottima Romeo vale il 67-60. Marshall prova a tenere ancora in vita le speranze con 4 punti in fila, ma nel finale San Martino è troppo lontana dal bonus e non può tentare neanche il fallo sistematico per fermare il cronometro: finisce 69-64, le Lupe devono alzare bandiera bianca ma escono dal campo a testa alta.

TABELLINO

Passalacqua Ragusa - Fila San Martino 69-64

VIRTUS EIRENE RAGUSA: Romeo 10 (2/4, 2/5), Consolini 7 (1/3, 1/4), Cinili (0/2, 0/3), Formica ne, Rimi ne, Harmon 8 (4/11), Gianolla 3 (1/1 da tre), Soli 5 (1/2, 1/2), Hamby 28 (9/12, 0/1), Kuster 8 (4/8, 0/1). All. Recupido.

BASKET SAN MARTINO: Dotto ne, Webb 16 (4/5, 2/6), Fietta 2 (1/2, 0/1), Tonello 3 (1/3 da tre), Keys 7 (2/4, 1/2), Melnika 4 (1/5), Marshall 21 (7/9, 2/7), Pastore 3 (0/3, 1/2), Tognalini 8 (3/6, 0/2). All. Abignente.

ARBITRI: Gagliardi di Anagni (FR), Frosolini di Grosseto e Bandinelli di Firenze.

PARZIALI: 26-14, 39-34, 58-53.

NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Ragusa 21/42, San Martino 18/34. Tiri da tre: Ragusa 5/17, San Martino 7/23. Tiri liberi: Ragusa 12/15, San Martino 7/11. Rimbalzi: Ragusa 30 (Harmon 8), San Martino 39 (Tognalini 9). Assist: Ragusa 22 (Cinili 5), San Martino 11 (Marshall 3).

Email inviata con successo

Lantech impegnata nel weekend fuori casa

08/02/2019 11:34

Dodicesima di campionato (terza di ritorno) si pallanuoto di serie A1 femminile, la Lantech//Longwave Plebiscito Padova torna in acqua dopo la vittoria di sabato scorso contro F&D H2O, e sfiderà sabato 9 febbraio fuori casa il Rapallo Pallanuoto, subito alle spalle delle patavine in classifica a pari punteggio (25 punti). All’andata, le patavine avevano superato le liguri per 12 a 9.

Le parole del tecnico Stefano Posterivo: “Sarà una partita contro una buonissima squadra costruita per giocare per il titolo, ma diventa ancora più importante per la classifica, che sarà decisa dagli scontri diretti tra le prime quattro protagoniste. Da parte nostra ci sono spirito e motivazioni da partita importante e tanta voglia di rimetterci in sesto. Da adesso ad inizio marzo abbiamo un ciclo di cinque partite molto importante tra campionato e Coppa Europea, e dobbiamo essere pronti. Questo è un gruppo solido che gioca molto sulle emozioni e sono convinto che affronterà al meglio questa parte della stagione”.

Email inviata con successo

A San Martino la Coppa Italia di A1

08/02/2019 08:02

Proseguono i preparativi in vista del grande appuntamento con le Final Eight di Coppa Italia di A1 femminile, in programma l'1-2-3 marzo. Otto squadre, tre giorni di gare, sette partite: il meglio della pallacanestro italiana riunito a San Martino di Lupari per un intero weekend. Per dare la massima visibilità all'evento tutte le partite della Coppa Italia verranno trasmesse in diretta streaming esclusiva e in chiaro su LBF TV (www.lbftv.it). Con l'occasione verrà sperimentato anche un format qualitativo che potrà rappresentare un'evoluzione del prodotto in ottica futura.

Sarà un evento targato "Fila Cup": main sponsor dell'evento è infatti Fila Surface Care Solutions, già main sponsor dell'A.S. San Martino, società ospitante. Forte di un'esperienza di oltre 75 anni, Fila ha raggiunto l'eccellenza mondiale nei sistemi per la protezione e manutenzione di tutte le superfici. Un'azienda familiare e allo stesso tempo manageriale, un grande gruppo con grandi valori, che ha conquistato l'internazionalità con l'apertura di sei filiali commerciali in Germania, Francia, Spagna, Gran Bretagna, USA e Emirati Arabi. Fila è presente in oltre 80 Paesi attraverso una rete capillare in grado di garantire la distribuzione dei propri prodotti e la relativa assistenza tecnica in tutto il mondo (www.filasolutions.com).

Di seguito il programma delle gare che si disputeranno al PalaLupe di Via Leonardo da Vinci 9, a San Martino di Lupari.

- Venerdì 1 marzo, quarti di finale:

Ore 14.00 Passalacqua Ragusa - Meccanica Nova Vigarano

Ore 16.15 Famila Wuber Schio - Gesam Gas&Luce Lucca

Ore 18.30 Elcos Broni - Allianz Geas Sesto San Giovanni

Ore 20.45 Umana Reyer Venezia - Fila San Martino di Lupari

- Sabato 2 marzo, semifinali:

Ore 18.00 Vincente Q1 - Vincente Q2

Ore 20.15 Vincente Q3 - Vincente Q4

- Domenica 3 marzo, finale:

Ore 18.00 Vincente Sf1 - Vincente Sf2

Email inviata con successo