Mondiali di Scherma U17 Fusetti è bronzo

10/04/2019 07:38

La padovana Benedetta Fusetti ha conquistato la medaglia di bronzo nella gara di sciabola femminile ai Campionati del Mondo Cadetti di scherma, in corso a Torun (Polonia).

L'atleta 16enne portacolori del Petrarca Scherma, dopo essere entrata tra le migliori otto battendo la torinese Federica Guzzi Susini per 15-3 nel derby azzurro, nei quarti di finale si è imposta sulla sudcoreana Kim Sebin per 15-10, ed è stata fermata solo in semifinale per 15-11 dalla forte ungherese Luca Szucs, poi vincitrice del titolo iridato. Fusetti era reduce da un altro ronzo nella gara a squadre ai recenti Campionati Europei svoltisi a Foggia.

Email inviata con successo

Serie D: il Campodarsego batte il Sandonà

08/04/2019 10:50

Con la quattordicesima vittoria stagionale, la terza consecutiva in trasferta, il Campodarsego conferma la buone impressioni mostrate domenica scorsa a Tamai, coglie un altro successo prezioso e soprattutto, rispetto ad una settimana fa, compie un bel passo avanti in termini di compattezza, andando ad espugnare il campo del Sandonà grazie alla doppietta di Vuthaj, una rete per tempo, e senza subire reti. Pronti via, e al 13′ Caporali ci prova subito da fuori trovando però la risposta in due tempi di Colonna. Un gol che è nell’aria, e che arriva cinque minuti più tardi: Michelotto pennella a centroarea, dove Vuthaj incorna e realizza il vantaggio biancorosso. Prima dell’intervallo, Zane sfiora anche il bis con un sinistro a giro che sfiora il palo, ma dopo l’intervallo lo 0-2 diventa comunque realtà, grazie ancora a Vuthaj, che anticipa il portiere, ancora una volta sull’assist di Michelotto, e trova la doppietta personale con un tocco preciso di destro. Un gol che, a conti fatti, chiude l’incontro, perchè il Sandonà, che poche volte riesce a rendersi pericoloso dalle parti di Cazzaro: finisce 2-0, con il Campodarsego che conferma il suo buon momento e sale a quota 53 punti, staccando la Virtus Bolzano e riavvicinandosi a cinque lunghezze dal terzo posto.

TABELLINO

SANDONA’-CAMPODARSEGO 0-2

SANDONA’: Colonna, Fido, Zanetti, Cavallini (40′ st Beccia), Montin, Zanella, Mortati (20′ st Tagliapietra), Longato, Bigoni, Paladin (22′ st Ferrarese), Gusella. A disposizione: Bordignon, Faggian, Bulgarella, Battilana, Michelon, Piovesan. Allenatore: M. De Mozzi.

CAMPODARSEGO: Cazzaro, Santinon (16′ st Dario), Seno (35′ st Bedin), Zane, Colman Castro (38′ st Barison), Leonarduzzi, Caporali, Trento, Vuthaj (40′ st Giorgi), Scapin, Michelotto (27′ st Raimondi). A disposizione: Voltan, Scandilori, Nnodim, Pedron. Allenatore: A. Andreucci.

Arbitro: Rizzello di Casarano (Piatti-Cucinotta).

Reti: 18′ pt Vuthaj, 3′ st Vuthaj.

Note: ammonito Zanetti. Calci d’angolo 3-1. Recupero 1′ e 5′.

Email inviata con successo

Basket, Gara 1: le Lupe vincono all'ultimo

08/04/2019 10:42

Ci si attendeva una sfida equilibrata tra San Martino e Broni, quarta e quinta di una stagione regolare terminata a pari punti, e il pronostico è stato ampiamente rispettato. La vince il Fila, con un libero di Pastore per un fallo giunto proprio sulla sirena, dopo che nel finale la Elcos era andata vicinissima al colpaccio. La partita d'esordio nei playoff è stata tesa per entrambe, intensa, con un punteggio basso e un livello di gioco - proprio per l'importanza della posta in palio - forse inferiore a quello che queste due squadre hanno dimostrato durante l'anno... ma le emozioni sono state fortissime, come una vera partita da playoff. Gara1 dunque è del Fila, martedì si replica sul parquet di Broni.

1° QUARTO. Il primo canestro dell'incontro è firmato da Milic, alla quale risponde Keys da dietro l'arco. La tensione per l'impegno si sente tutta nelle fasi iniziali, e il punteggio rimane basso: 5-5 dopo 5'. Il Fila prova a sbloccarsi con Pastore e Marshall, con quest'ultima che va a segnare due volte da sotto per il 12-6 (7'). Dall'altra parte invece, dopo 8 punti consecutivi di Milic, si iscrive a referto anche Wojta con la tripla del -1, ma alla prima pausa le padrone di casa sono avanti 15-11.

2° QUARTO. Sandri e Webb restituiscono per due volte il +6, ma intanto qualche decisione arbitrale sui due lati del campo indispettisce la panchina giallonera, e con l'amministrazione di un tecnico Broni torna sul -1 (19-18 al 15'). Arriverà anche la bomba del pareggio, ancora con Wojta, all'interno di un break di 12-2 con cui le ospiti ritrovano il vantaggio sul 21-25 (18'). L'inerzia è tutta per le lombarde, che con il buzzer beater di Togliani vanno a chiudere il primo tempo sul 25-32, massimo vantaggio dell'incontro.

3° QUARTO. Si riparte con Bonasia a rispondere a Melnika, poi il bel 2+1 di Keys restituisce il -2 alle Lupe sul 32-34. La Elcos risponde presente ad ogni tentativo di riavvicinamento, anche se i falli ora diventano un problema per le ospiti, con Premasunac e Milic che commettono in sequenza il quarto personale. Sono cambi obbligati per coach Fontana, e il Fila prova ad approfittarne: è il canestro con fallo di Pastore, già in doppia cifra, a valere il sorpasso (39-38 al 27'). Poco dopo è ancora una magia della play ex Napoli a regalare il 41-40, e sull'ultimo possesso arriva la tripla di Webb: 44-40 il punteggio al 30'.

4° QUARTO. Il rientro di Milic si fa subito sentire, col 2+1 del 44-43. Togliani firma anche il controsorpasso, trovando però l'immediata risposta di Melnika. I falli intanto diventano quattro anche per Keys e la stessa Melnika, ma le ospiti non sfruttano i viaggi in lunetta (7/16). Poi non si segna per oltre 3', e a 1' dalla fine è ancora 50-50. Il canestro che spezza l'equilibrio lo segna Bonasia a 43" dalla fine, e sembra quello decisivo. Dall'altra parte infatti Keys fa 1/2 ai liberi (51-52), e poi commette il suo quinto fallo su Wojta. Anche l'americana però segna un solo libero, e rimangono 16" al Fila. Dopo il timeout Marshall si butta dentro, e a 9" dalla sirena trova il canestro con il fallo, che vale l'insperato aggancio. Sbaglia però il libero aggiuntivo, Bonasia si invola in contropiede ma la stessa Marshall la rimonta e tocca il pallone, che carambola in mano a Pastore. Sembra il preludio al supplementare, e invece appena prima della sirena c'è un contatto falloso: e così, a cronometro ormai azzerato, basta un libero a Pastore per regalare un'emozionante vittoria al Fila.

TABELLINO

Fila San Martino - Elcos Broni 54-53

BASKET SAN MARTINO: Dotto ne, Webb 9 (3/5, 1/6), Fietta, Tonello (0/1, 0/1), Keys 9 (1/7, 1/3), Melnika 6 (2/4), Marshall 10 (4/7, 0/3), Pastore 13 (2/4, 1/5), Tognalini (0/3), Sandri 7 (2/3, 0/1). All. Abignente.

PALLACANESTRO BRONI: Miccoli ne, Spreafico 4 (2/3, 0/5), Togliani 5 (2/4, 0/3), Moroni ne, Pavia (0/1, 0/1), Bonasia 8 (4/5, 0/3), Wojta 14 (3/9, 2/4), Milic 20 (8/12, 0/2), Premasunac (0/3), Smorto ne, Gatti 2 (1/3). All. Fontana.

ARBITRI: Valleriani di Ferentino (FR), Barbiero di Milano e De Biase di Udine.

PARZIALI: 15-11, 25-32, 44-40.

NOTE: Uscite per 5 falli: Milic (37'), Melnika (38'), Premasunac (40'), Keys (40'). Fallo tecnico: Abignente (15'). Tiri da due: San Martino 14/34, Broni 20/40. Tiri da tre: San Martino 3/19, Broni 2/18. Tiri liberi: San Martino 17/25, Broni 7/16. Rimbalzi: San Martino 39 (Melnika 12), Broni 33 (Wojta 14). Assist: San Martino 16 (Keys 4), Broni 12 (Premasunac 6).

GLI ALTRI RISULTATI DI GARA 1

Ragusa-Lucca 92-60, Venezia-Geas 76-57, Schio-Vigarano 88-53.

Email inviata con successo

La Polizia cerca atleti per 11 discipline

08/04/2019 09:03

È stato pubblicato da pochissimi giorni sulla Gazzetta Ufficiale il bando del concorso pubblico per titoli relativo all’assunzione di 20 atleti da assegnare ai Gruppi Sportivi Fiamme Oro, che saranno inquadrati nel ruolo degli Agenti e Assistenti della Polizia di Stato.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata e trasmessa entro il termine perentorio di trenta giorni dal giorno successivo alla data di pubblicazione del bando, reperibile sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, 4^ Serie speciale “Concorsi ed esami” del 2 aprile 2019 o a questo link del sito ufficiale della Polizia di Stato: https://www.poliziadistato.it/statics/46/bando-20-ff.oo..pdf.

Molte le discipline sportive tra cui nuoto, sci, rubgy, pesistica, tiro con l’arco, pattinaggio su ghiaccio e atletica leggera. Per quanto riguarda la “regina degli sport” è previsto un posto per una specialista dei 200 metri di sesso femminile. Possono partecipare al concorso anche i candidati non ancora maggiorenni e la domanda di partecipazione al concorso dovrà essere presentata da uno dei genitori, purché esercente la potestà genitoriale, o, in mancanza di questi ultimi, dal tutore del minore. E’ necessario essere in possesso ovviamente anche della certificazione di atleta di interesse nazionale debitamente compilata dalla Federazione Sportiva Nazionale interessata.

Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina dedicata al concorso: https://www.poliziadistato.it/articolo/18505ca2281ee143d188099886. C’è anche una guida molto dettagliata per la compilazione della domanda on line: https://www.poliziadistato.it/statics/09/guida-20-atleti-fiamme-oro-.pdf che, lo ricordiamo, va poi trasmessa per via informatica.

Email inviata con successo

Lantech vince 13 a 7 contro Kally N.C. Milano

08/04/2019 08:45

Ripreso il campionato dopo la lunga pausa per gli impegni del Setterosa, la Lantech//Longwave Plebiscito Padova non delude e supera fuori casa il Kally N.C. Milano per 13 a 7. “Prima partita ufficiale dopo un periodo di stop, mi aspettavo una prestazione così. La nsettimana di common training con la squadra russa del Kanthy Mansyisk ci ha aiutati ad essere pronti all’appuntamento, non perdendo l’abitudine al match” commenta l’allenatore Stefano Posterivo “con il Milano, nelle prime fasi del match, abbiamo giocato decisamente sottotono. In seguito abbiamo sviluppato bene le fasi di attacco, creando delle belle azioni, mentre in difesa non abbiamo brillato, effettuando errori e subendo troppi gol. Abbiamo vinto la partita, quindi il compito l’abbiamo portato a termine, ora ci concentriamo sui prossimi impegni”.

A due giornate dalla fine del campionato regolare, la Lantech//Longwave Plebiscito si trova in quarta posizione con 34 punti, alle spalle di Orizzonte Catania, SiS Roma (con cui giocheranno la partita di ritorno sabato 27 aprile) e Rapallo Pallanuoto. Prossimo appuntamento: le finali di Euro League il 19-20 aprile a Barcellona.

TABELLINO

KALLY NC MILANO-PLEBISCITO PADOVA 7-13

KALLY NC MILANO: M. Imperatrice, G. Apilongo 2, G. Crudele, U. Gitto 1, A. Repetto, M. Fisco, S. Kuzina 2, S. Amoretti, A. Gragnolati, J. Vukovic 2, F. Murer, L. Repetto, C. Tamborrino. All. Binchi

PLEBISCITO PADOVA: L. Teani, L. Barzon 5, I. Savioli, M. Gottardo, E. Queirolo 1, A. Casson, A. Millo, S. Dario 3, D. Grab 3, Cardillo, C. Meggiato, E. Armit 1, C. Giacon. All. Posterivo

Arbitri: Ferrari e Pinato

Parziali: 2-3 1-1 3-6 1-3 Prima dell'inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria del direttore sportivo della AN Brescia Piero Borelli. uscite per limite di falli Laura Repetto (M) e Savioli (P) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Kelly Milano 2/7; Plebiscito PD 6/12. Spettatori 200 circa.

Email inviata con successo

Pallanuoto: la Lantech fuori casa a Milano

05/04/2019 07:55

Fermo dal 9 marzo, riprende dopo una lunga pausa il campionato di serie A1 femminile, con la settima giornata di ritorno: la Lantech//Longwave Plebiscito Padova (ora in quarta posizione con 31 punti alle spalle di Orizzonte Catania, SiS Roma e Rapallo Pallanuoto) affronterà fuori casa, sabato 6 aprile alle ore 15.00, il Kally N.C. Milano sesto in classifica con 19 punti.

“Di questo lungo periodo di sosta abbiamo approfittato per ricaricare le batterie” commenta il tecnico Stefano Posterivo “dopo un periodo di giusta vacanza post Euro League, abbiamo fatto una settimana di allenamenti e partite con la squadra russa del Kanthy Mansyisk che ci è stato molto utile. Affrontiamo questa trasferta a Milano con la voglia di fare bene cercando di continuare un percorso di crescita per essere al meglio prima della Final Four di euro league e poi alle fasi finali per lo scudetto. Sabato incontreremo una squadra che avrà forti motivazioni e alla ricerca della qualificazione alle Final Six, sappiamo che dovremo presentarci preparati e consapevoli che ci sarà da lottare”.

Email inviata con successo

Il Cittadella per il piccolo Giovanni

02/04/2019 10:30

Spesso le richieste di aiuto arrivano direttamente dai testimonial di Live Onlus: è il caso di Alberto Paleari, portiere granata che ha chiesto di poter sostenere il piccolo Giovanni di Piazzola sul Brenta, affetto da emimelia tibiale, malattia rarissima che impedisce la crescita della sua gamba destra. L’intervento, che potrebbe farlo stare meglio, è possibile solo in uno dei pochi centri specializzati al mondo, precisamente negli Stati Uniti, ma molto costoso.

LIVE Onlus, con la partecipazione di Alberto Paleari e della squadra granata, ha così deciso di sostenere il piccolo Giovanni: tra pochi giorni ci saranno in asta benefica su ebay le maglie del Cittadella, indossate nell’ultimo turno di campionato contro il Padova.

Nel sito ufficiale della fondazione troverete gli aggiornamenti delle aste e il totale raccolto, che sarà poi versato sul conto corrente della famiglia di Giovanni.

Email inviata con successo

Eyob Faniel vince ancora una mezza maratona

02/04/2019 08:14

Un’altra domenica da protagonista per Eyob. Dopo aver fatto sua la Stravicenza al rientro da un infortunio, Faniel torna a correre una mezza maratona e lo fa vincendo la Iulia Augusta Half Marathon con l’ottimo crono di 1h02’41”, a 13” dal primato personale stabilito a Milano il 25 marzo 2018.

Eyob è arrivato sul traguardo spalla a spalla con l’eritreo Mogos Solomon, con cui spesso condivide gli allenamenti all’estero. Queste le parole di Eyob. "Abbiamo deciso di gareggiare per capire quanto valessi davvero, dopo il test del VO2max e del lattato che abbiamo effettuato nei giorni scorsi. Che dire: la gara è andata bene, anche meglio del previsto quindi io e Ruggero (Pertile, il suo tecnico, n.d.r.) siamo contenti. Il percorso era molto suggestivo, con un paesaggio meraviglioso: si partiva da Palmanova per arrivare ad Aquileia, città entrambe patrimonio dell’Unesco. Oggi stesso parto per un raduno in altura ad Asmara (Eritrea) con la consapevolezza di avere buoni margini di miglioramento in vista della maratona. Mi do due-tre giorni per recuperare la gara e poi ci alleneremo duramente. Il gruppo di allenamento è molto qualificato con atleti di altissimo livello tra cui lo stesso Mogos. Mi servirà!".

Dopo lo stage in altura ad Asmara, il 26enne atleta delle Fiamme Oro rientrerà per gareggiare nella mezza maratona di Padova, sua città d’adozione in quanto sede delle Fiamme Oro e residenza del suo tecnico Ruggero Pertile, team manager di Assindustria Sport. L’obiettivo vero della stagione resta comunque la maratona dei Mondiali di Doha. "Da qui ai Mondiali la strada è ancora lunga: l’obiettivo è cogliere un buon piazzamento individuale ma anche a squadra, considerato che agli Europei abbiamo vinto l’oro per team. Competere con il mondo intero è molto difficile ma anche stimolante".

Email inviata con successo

Il Campodarsego vince a Tamai 5-4

01/04/2019 10:19

Il Campodarsego ritrova il successo. Lo fa con una partita pazza, in cui non riesce ad amministrare un ampio vantaggio e rischia anche di compromettere quanto fatto di buono sin lì, però ottenendo alla fine tre punti importanti verso il finale di stagione. Finisce 5-4 sul campo del Tamai, una vittoria preziosa per la squadra di mister Andreucci, che segna cinque volte nonostante un attacco ridottissimo per l'infortunio di Franciosi e le condizioni non al meglio di Raimondi. Nella prima mezz'ora la gara non si sblocca, nonostante i padovani provino con insistenza a cercare la via del gol: ci provano Michelotto, Caporali, Vuthaj a più riprese, ma senza fortuna. Al 32' il gol arriva, e porta la firma di Michelotto, che dal limite dell'area trova la sua classica "parabola" a giro a scavalcare il portiere friulano. Il vantaggio potrebbe subito essere accentuato, perchè lo stesso Michelotto al 33' arriva davanti a Mason, ma il portiere di casa gli sbarra la strada. Al 40', invece, ecco il pari: il Tamai conquista un calcio di rigore, che lo specialista Maccan trasforma. Passano però pochi minuti, e Vuthaj rimette le cose a posto, approfittando dell'erroraccio di Mason e mandando il Campodarsego in vantaggio all'intervallo. Pronti via, e la partenza nella ripresa della squadra di Andreucci è micidiale: al 3' Michelotto trova la personale doppietta con un destro teso, al 7' Caporali fissa il poker con un perfetto stacco di testa sull'assist del solito, scatenato Michelotto. Sembra finita, e invece in pochi giri di lancette il Tamai riapre la gara: al 10' segna ancora Maccan, svettando di testa, al 13' ci pensa De Anna, a timbrare l'incredibile 3-4. Al 16', però, ancora un gol ospite, e ancora Michelotto protagonista: è sua la punizione dalla quale scaturisce la sfortunata deviazione di Alcantara, che batte il proprio portiere. Nel finale, il Tamai non demorde e prova ancora a risalire: Maccan al 38' tiene aperta la gara con la personale tripletta e il gol del 4-5, un punteggio che resiste fino al triplice fischio.


IL TABELLINO


TAMAI-CAMPODARSEGO 4-5

TAMAI: Mason, Barbierato, Lubian (32' st Spigariol), Pramparo, Tanasa, Colombera, Alcantara, Borgobello (6' st Dalla Vedova), Maccan, Giglio (34' st Serafin), De Anna. Non entrati: Colesso, Vedova, Kryeziu, Nadal, Presello, Russian. All. Bianchini.

CAMPODARSEGO: Cazzaro, Seno, Scandilori (40' st Dario), Zane, Colman Castro, Leonarduzzi, Caporali, Trento, Vuthaj, Scapin, Michelotto (23' st Raimondi). Non entrati: Voltan, Barison, Giorgi, Rizzolo, Pelizzer, Bedin. All. Andreucci.

ARBITRO: Baratta di Rossano (Galimberti-Mazzeo).

RETI: nel pt 32' MIchelotto, 40' rigore Maccan, 43' Vuthaj; nel st 4' Michelotto, 7' Caporali, 10' Maccan, 13' De Anna, 17' autorete Alcantara, 38' Maccan.








Ufficio Stampa Campodarsego Calcio 1974

FRANCESCO COCCHIGLIA

tel. 3460874216

Email inviata con successo

Pattinaggio Aritistico: terzo gradino del podio

28/03/2019 08:27

E' la prima volta che il Pattinaggio Artistico Altichiero sale sul podio della classifica italiana di società nella specialità dei gruppi spettacolo. Un successo che corona anni di dura preparazione e di grande determinazione. Le atlete, preparate dall'allenatrice e coreografa Giulia Gobbo, si sono presentate al campionato italiano di Firenze con ben quattro gruppi (Dream Dust il loro nome) conquistando il titolo di vice campioni italiani nella categoria divisione nazionale con la coreografia "Ingannevoli apparenze" già campione regionale in carica (nella foto).

Buon piazzamento anche per il gruppo delle atlete più piccole con la coreografia "Lampi di genio" che racconta l'evoluzione dell'uomo attraverso le idee e le invenzioni più significative della storia che si è classificato al 6° posto come pure il grande gruppo con "L'uomo che inventò il Natale".

Infine il quartetto jeunesse, alla loro prima esperienza in campo nazionale, si è classificato al posto 23° con la coreografia "Alors on danse", un inno alla voglia di rialzarsi anche dopo i momenti più difficili

"E' decisamente un buon piazzamento - commenta il presidente Giorgio Zilio Zella - soprattutto se si pensa ai sacrifici e alle difficoltà che incontriamo per riuscire a trovare spazi adeguati per i nostri allenamenti. Sicuramente la carenza di piste per il pattinaggio a Padova ci penalizza rispetto alle altre società, ma sono fiducioso che questo problema si possa risolvere il prima possibile. Come società abbiamo già un progetto per la realizzazione di un piccolo palazzetto e anche il terreno, ci mancano però gli sponsor in grado di sostenere la spesa".

I risultati sono stati ottenuti anche grazie all'apporto dei coreografi Massimo Carraro, Matteo De Sabata e Alberto Burba.

Email inviata con successo