Y-40

Petrarca Rugby a
lezione di apnea

17/04/2019 14:11

È tornata nella piscina più profonda del mondo a fare lezione di apnea la prima squadra del Petrarca Rugby, dopo l’incredibile esperienza del 2018, che ha visto i “neri” raccogliersi ad Y-40® nel ritiro di preparazione dell’ultima gara di campionato che ha sancito la conquista dello scudetto. “Si è trattato di un momento importante, nato come un semplice team building, ma diventato fruttuoso per scoprire le preziose tecniche di allenamento della respirazione studiate ed applicate nell’apnea – spiega Guido Zorzi, team manager del Petrarca Rugby –. Un’esperienza che andava certamente ripetuta ora che la squadra ha conquistato i play off e che può fruire dell’acqua termale euganea anche per avere un po’ di relax e recuperare dai piccoli infortuni”.

Quasi 40 i rugbisti che hanno riempito la piscina, che raggiunge la massima profondità di 42 metri, e che si sono lanciati nuove sfide nel vedere chi riuscisse a scendere maggiormente nel cilindro entrato nel Guinness World Record. “Le tecniche di apnea e l’allenamento in Y-40® sono ormai condivise con consapevolezza da tanti campioni che vengono qui ad allenare la propria respirazione e ad imparare a controllarla – spiega il direttore tecnico di Y-40® Marco Mardollo –. Dalla squadra nazionale Italiana di salto con l’asta a quella spagnola di sci e snowboard, dagli azzurri della scherma Mara Navarria, Daniele Garozzo, Arianna Errigo, alla karateka Sara Cardin, al nuotatore Luca Dotto, solo per fare alcuni dei nomi più noti”.

La giornata di allenamento in profondità si è conclusa in maniera goliardica con una mischia a -2,5 metri da parte della squadra sopra al tunnel trasparente che attraversa la piscina e con una touche improvvisata, pallone ovale alla mano, dal capitano Alberto Saccardo a -6 metri di profondità.


 
Nessun commento per questo articolo.