SUPERLEGA

Luigi Randazzo ancora
con la Pallavolo Padova

07/06/2019 10:33

La Pallavolo Padova ha festeggiato i 10 anni e nell'occasione Luigi Randazzo, schiacciatore classe 1994, ha annunciato che giocherà per un'altra stagione con la Kione. L'atleta si appresta quindi a vivere la sua terza stagione consecutiva a Padova. Infortunatosi al ginocchio in occasione della sfida del 9 dicembre 2018 contro Perugia, nel mese di febbraio subì un’operazione chirurgica per potersi ristabilire completamente.

L'INTERVISTA

"Ora sto bene. Ho ricominciato a saltare e a fare il lavoro con la palla. In questi giorni sono infatti impegnato con la Nazionale per uno stage e sono pronto a tornare più forte di prima".

Un rinnovo importante per la Kioene ma anche per la tua carriera. "Certo, sono molto felice di essere ancora a Padova. Dopo l’infortunio dello scorso dicembre non ho potuto dare il mio contributo in campo, ma la squadra è stata bravissima a raggiungere i play off. Sono in debito con i miei compagni, con la Società e con i tifosi, per cui darò il massimo per ripagarli della loro fiducia".

Come hai detto tu, anche la tifoseria ti ha sostenuto in ogni momento. "Sia dopo l’infortunio che al termine del campionato ho ricevuto tantissimi messaggi sui social da parte dei nostri sostenitori. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’affetto che mi hanno dimostrato e non nascondo che anche il loro calore ha contribuito a convincermi a proseguire con la Kioene".

Settimana dopo settimana la nuova Kioene Padova si sta costruendo. Come vedi finora il gruppo che si sta creando? "Partiamo da un punto di riferimento importante per il gioco e per lo spogliatoio, ossia Dragan Travica. In queste due stagioni ha dimostrato di essere il collante tra squadra, staff e Società. L’ossatura del gruppo è importante e i due inserimenti di Hernandez e Ishikawa sono di grande qualità. La loro voglia di riscatto dopo la retrocessione con Siena sarà un’arma in più per noi e sono certo che riusciranno a integrarsi bene in questo team".


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.