EUGANEO

Luciani e Lonardi
incontrano Calcio Padova

04/09/2019 15:44

Si è svolto martedì pomeriggio l’incontro con la dirigenza del Calcio Padova richiesto dal vicepresidente del Consiglio Ubaldo Lonardi per conto della Minoranza a cui ha partecipato anche il consigliere Alain Luciani per esporre le criticità sul nuovo progetto dello stadio Euganeo a Padova. “Abbiamo presentato un documento condiviso con tutta la Minoranza - ha dichiarato Lonardi -. La premessa riguarda innanzitutto l’inadeguatezza dello stadio nato “vecchio” negli anni 90, soprattutto per la lontananza delle tribune dal campo di gioco e il sovradimensionamento rispetto alle esigenze odierne, anche per squadre di serie A. Rispetto a questi presupposti la soluzione dello stadio Plebiscito risolverebbe entrambi i problemi. Qui si potrebbero giocare alcune partite fin da quest'anno, almeno in via sperimentale ed eventualmente in modo propedeutico all’apertura del cantiere Euganeo, che sarà sicuramente incompatibile con lo svolgimento del Campionato. Abbiamo invitato la dirigenza del Calcio Padova a chiedere al Comune una valutazione tecnica preliminare anche di altre proposte come quelle illustrate da noi e che risolverebbe il problema più importante dello stadio, la lontananza delle tribune ovest ed est dal campo di calcio, distanza che nel progetto Bonavina-Giordani rimarrebbero invariate".

Con il progetto dell'Amministrazione Comunale infatti, le tribune laterali, quelle più capienti, resterebbero dove sono, cioè lontane dagli spettatori e verrebbero avvicinate soltanto la curva Sud degli ultras e leggermente quella Nord. Si punterebbe solo sull’effetto ottico dello smantellamento della pista di atletica e verrebbero costruiti nuovi corpi di collegamento tra le varie tribune. L’investimento che si definisce quindi “per il nuovo stadio” in realtà è per i nuovi palazzetti dello sport e per la palestra di arrampicate. “La nostra proposta – ha affermato il consigliere Luciani – è stata fattiva e collaborativa, non certo contraria per ragioni politiche. Abbiamo a cuore che il Padova torni velocemente in B e quindi tenti la scalata al massimo campionato. Sentire i tifosi vicini in campo è fondamentale e tutti gli stadi moderni portano le tribune fino a bordo campo".

"Da questo punto di vista - ha concluso Ubaldo Lonardi - con il progetto presentato, la situazione peggiora per sempre in quanto i corpi di collegamento previsti impediranno definitivamente soluzioni alternative e risolutive per le due tribune. Si abbia inoltre il coraggio di dire che si sfrutta la situazione Calcio per costruire altro, i due palazzetti dello sport e la palestra di roccia, quindi una dannosa strumentalizzazione".

Lonardi auspica di incontrare quanto prima la tifoseria.




 
Nessun commento per questo articolo.