RUGBY

Sabato Petrarca in campo
al “Giorno degli Angeli”

20/09/2019 09:53

Anche quest’anno l’Argos Petrarca parteciperà, sabato 21 settembre, al “Giorno degli Angeli” il torneo giunto alla sesta edizione che vuole ricordare Zaccaria Muraro, figlio di Andrea ex giocatore del Petrarca e della Nazionale e salito al cielo nell’agosto del 2012, a causa di un Neuroblastoma, tumore che colpisce i bambini in età infantile. La manifestazione, in programma dalle 15 alle 19 allo stadio “Otello Gerli” di via del Maglio a Udine, vedrà in campo Petrarca, Mogliano, San Donà e li padroni di casa del Rugby Udine Union FVG, società con la quale Muraro, che vive a Udine, collabora.

Un evento nato per sostenere l’Associazione Italiana Neuroblastoma Onlus - con sede a Genova- che contribuisce con propri finanziamenti alla ricerca contro il Neuroblastoma, e l’Associazione Luca Onlus - con sede a Udine – che opera nella regione Friuli-Venezia-Giulia a sostegno delle famiglie. “Come da tradizione, sabato saremo presenti”, spiega il tecnico del Petrarca, Andrea Marcato. “Giocheremo una partita con Mogliano sviluppata in 4 tempi da 20 minuti con sostituzioni libere. Questa seconda amichevole saràmolto utile per concludere il nostro prestagione ed iniziare l’attività ufficiale la settimana successiva sul campo di San Donà in Coppa Italia. Negli ultimi giorni - spiega - abbiamo lavorato sui principi del gioco, vogliamo riuscire ad attaccare con velocità senza perdere possessi, problema riscontrato contro Reggio Emilia. Vogliamo migliorare di molto la disciplina, testarci ancora a livello fisico ma sopratutto non concedere facili mete come sabato scorso. Mogliano è una squadra molto cambiata rispetto alla stagione scorsa, ha rinforzato la rosa e per noi sarà un grande test nelle fasi statiche. Mischia e drive sono due armi molto importanti per il tecnico Salvatore Costanzo. Per questa partita - conclude - non potremmo utilizzare Andrej Marinello e Luca Zini, usciti malconci nella partita contro Valorugby, mentre ancora in campo ci saranno Alessandro Fioriti e Pietro Minazzato”.


 
Nessun commento per questo articolo.