Campodarsego in campo contro il Porto Tolle

14/01/2020 12:09

A tre giorni dalla sfida interna contro il Montebelluna, è già giorno di vigilia per il Campodarsego che, nel terzo turno infrasettimanale del girone di serie D, domani alle 14.30, affronta in trasferta il Delta Porto Tolle.

Una sfida da sempre accesa e carica di temi, che vede la squadra biancorossa arrivare da prima della classe al cospetto di un undici comunque sempre temibile e attrezzato. Queste le dichiarazioni del tecnico, Antonio Andreucci, alla vigilia della sfida.

Sulla partita di sabato: “Abbiamo creato molto e potevamo concretizzare maggiormente il gioco fatto, ma è anche vero che uno dei nostri cavalli di battaglia è sempre stata la compattezza difensiva, e qualcosa di troppo da questo punto di vista abbiamo concesso. Con il Montebelluna alla fine è uscito un pareggio che dobbiamo accettare, e rimetterci nelle condizioni giuste per fare una bella partita contro il Delta”.

Sulle sfide ravvicinate: “In questi due giorni valutiamo, nell’ottica delle tre partite, chi sta meglio. Dobbiamo affrontare una gara alla volta, senza pensare a fare calcoli, perchè la sorpresa può essere sempre dietro l’angolo: c’è grande equilibrio in questo campionato e anche noi, sabato, ci siamo ritrovati costretti a dover risollevare una partita che sembrava persa. Da questo punto di vista i ragazzi si sono dimostrati all’altezza della situazione, e confido che da qui in avanti la cosa migliori ulteriormente”.

Sull’avversario: “Affrontiamo una squadra che ha ottime individualità e che gioca un buon calcio, un avversario solido e pericoloso. Ci aspetta un confronto molto interessante, credo che entrambe le squadre giocheranno per vincere. Si confrontano due attacchi con giocatori molto tecnici: il Delta ha tanti ragazzi abili nel saltare l’avversario, noi ci proponiamo con giocatori che ci sono mancati molto nell’ultimo mese come Gabbianelli e Tonelli, che sono contento di aver rivisto bene contro il Montebelluna”.

Email inviata con successo

I lupi vincono il derby contro Este per 3-1

13/01/2020 08:13

Il derby è dei Lupi.

La Luparense torna a vicnere e lo fa con una prestazione di forza e carattere, come aveva chiesto alla viglia mister Enrico Cunico. Gli atestini possono rimproverarsi una prima frazione davvero sottotono, mentre probabilmente avrebbero meritato un altro gol nel loro miglior momento, coinciso con il calo avversario.

Parte fortissimo la squadra di Zanini. Giacomazzi sbaglia l’impostazione, Mortaro si invola verso la porta e spara un missile che Burigana devia con la punta delle dita. Gol sbagliato, gol subito: è una legge che spesso a colpito i Lupi ma che stavolta condanna l’Este. All’8’ gran filtrante di Trento per Moras, l’ex Tamai controlla bene ed infila Vencato aprendo il piattone. Gli ospiti accusano il colpo e faticano davvero tanto a trovare una degna reazione, mentre i padroni di casa sembrano aver ritrovato lo smalto dei bei tempi (che non sono mai stati “lontani” perchè classifica e prestazioni in campo non sempre sono andate d’accordo in questa stagione). I ragazzi del Presidene Zarattini servono il bis con la zuccata di Pittarello, assistito meravigliosamente da un cross al millimetro dell’imprendibile Moras.

Nella ripresa le emozioni scarseggiano all’inizio. La Luparense evita di affondare ulteriormente il colpo e gli atestini non trovano spazi in avanti per riaprirla. Al 21’, però, lampo giallorosso: contatto in area tra Bozzato e Fracaro, per l’arbitro non ci sono dubbi nel fischiare la massima punizione che porta al gol di Fracaro. L’Este si riversa in avanti ma Pittarello, in contropiede, viene steso in area nel finale e si guadagna il penalty che chiude le ostilità e tinge di rossoblù il derby.

TABELLINO

LUPARENSE - ESTE 3-1

LUPARENSE (3-4-3): Burigana; Beccaro, Giacomazzi, Bozzato (27’ st Seno); Scapin (41’ st Trevisan), Bedin, Trento, Della Vedova; Camara (25’ st Busetto), Pittarello, Moras (33’ st Gashi). All: Cunico

ESTE (4-3-3): Vencato; Zanella, Munaretto, Gilli, Forte; Chajari, Pozza, Meneghini (1’ st Tardivo); Fracaro, Mortaro, Segalina (13’ st Neto Pereira). All: Zanini

ARBITRO: Ursini di Pescara

RETI: 8’ pt Moras, 33’ pt e 45’ st (rig) Pittarello, 22’ st Fracaro (rig)

Email inviata con successo

Il Campodarsego pareggia contro Montebelluna

13/01/2020 08:09

La prima gara casalinga del nuovo finisce in parità. Il Campodarsego, per lunghi tratti padrone del campo contro un Montebelluna bravo a replicare in contropiede, passa nel primo tempo ma finisce incredibilmente sotto ad inizio ripresa, prima di pareggiare nuovamente i conti e di conquistare comunque un buon punto.

La squadra di Andreucci, che rischia subito al 2′ sul contropiede rapido dei trevigiani che non concretizzano con Ndreca e Fasan, passa in vantaggio al primo affondo: al 9′ Gabbianelli, al rientro dal primo minuto dopo l’infortunio, pennella un filtrante perfetto per Pasquato, che all’ingresso in area fulmina il portiere sul primo palo e porta avanti i biancorossi. I padroni di casa insistono: al 22′, sul corner dello stesso Pasquato, Calcagnotto gira di testa in porta, ma Pigozzo respinge un pallone non semplice. Il Montebelluna si rifà vivo al 33′: Ndreca arriva alla conclusione sugli sviluppi di un angolo, ma Voltan è bravo a togliere la sfera da sotto la traversa. Prima dell’intervallo, però, è ancora la squadra di Andreucci a rendersi pericolosa: Calì svetta quasi da solo sul secondo palo, ma il suo colpo di testa termina a lato di un soffio.

Ad inizio ripresa, medesimo copione: il Campodarsego parte forte e colpisce subito un legno, con Gabbianelli che al 2′ converge sul sinistro e calcia, incocciando la base del palo. Al 4′, però, il Montebelluna a sorpresa pareggia: Voltan si oppone benissimo in uscita a Fasan, ma è sfortunato perchè la sua deviazione colpisce fortuitamente Franceschini, che quasi per caso indirizza la palla nella porta vuota. I biancorossi si scuotono: un minuto dopo, una bellissima triangolazione manda in porta Pasquato, ma il suo diagonale finisce sul fondo; al 7′ Pigozzo si oppone come può al destro sporco di Calì; all’8′ Pasquato va via in area e serve al centro lo stesso Calì, che incredibilmente, praticamente a porta vuota e a due passi dalla linea, manda alto. Al 17′ accade l’imponderabile: Fasan calcia una punizione lunga sul secondo palo, Voltan non indovina l’uscita, e Nchama incorna in rete l’incredibile vantaggio del Montebelluna. La squadra di Andreucci prova a replicare: Calì al 22′ colpisce di testa in torsione, ma non trova la porta. Il pareggio, meritato, arriva al 33′: è il nuovo entrato Tonelli, sul cross di Pasquato da sinistra, a beffare in anticipo il difensore e a siglare il pari di sinistro. Nel finale, i biancorossi le provano tutte per trovare la rete da tre punti, ma non riescono a sfondare la difesa ospite: finisce 2-2.

TABELLINO

CAMPODARSEGO-MONTEBELLUNA 2-2

CAMPODARSEGO (4-3-3): Voltan; Boscolo Bisto, Leonarduzzi, Calcagnotto, Acquistapace; Amadio (43′ st Nikolopoulos), Cavallini (15′ st Callegaro), Finazzi (25′ st Tonelli); Gabbianelli, Calì, Pasquato. A disposizione: Aspergh, Mazzucca, Varnier, Montin, Annoni. Allenatore: Andreucci.

MONTEBELLUNA (4-3-3): Pigozzo; Scevola, Caso, Fabbian (16′ st Celestri), Biondo; S. Tronchin (24′ st Girardi), Zucchini, Nchama; Franceschini (29′ st Passamonti), Ndreca (47′ st D. Tronchin), Fasan. A disposizione: Gava, Vedova, Zago, Masi, Shala. Allenatore: Bodo.

Arbitro: Sicurello di Seregno (Parisi-Fedele).

Reti: 9′ pt Pasquato; 4′ st Franceschini, 17′ st Nchama, 33′ st Tonelli.

Note: ammoniti Caso, Cavallini, Zucchini. Calci d’angolo 1-5. Recupero 0′ e 5′.

Email inviata con successo

La Millenium basket ha sbancato anche Roma

13/01/2020 07:37

Weekend da incorniciare per la Studio3A Millennium Basket. La prima squadra ci ha preso gusto e, dopo il primo successo in serie A a Sassari contro il Banco di Sardegna prima della sosta natalizia, sabato 11 gennaio 2020, nell’ultimo impegno del girone d’andata e primo del nuovo anno, ha sbancato anche il palasport del Santa Lucia di Roma al termine di un match tiratissimo.

Bargo e compagni sono stati protagonisti di un primo tempo “ad altissimi livelli, sia in chiave difensiva che offensiva” come spiega il coach Marco Nardo commentando la prova dei suoi uomini, che sono partiti a razzo arrivando all’intervallo lungo con ben 16 punti di vantaggio sugli avversari. Poi però, com’è successo più volte in questa stagione, i patavini hanno cominciato a sbagliare tiri facili e hanno subito la prepotente rimonta dei padroni di casa, che li hanno non solo ripresi ma addirittura superati di tre punti nell’ultimo quarto. “A quel punto però – conclude l’allenatore - siamo stati bravi a reagire mettendo un grande carattere” e ne è uscito un finale avvincente giocato punto a punto. Decisivi, a 14 secondi dal termine, quando i romani, sotto di uno, adottavano il fallo sistematico, i due tiri liberi entrambi a segno di Boughania, anche sabato autore di ben 24 punti, per il 67 a 64 sancito dalla sirena.

Con questa preziosa affermazione esterna la Studio3A Millennium Basket sale a 4 punti, aggancia al penultimo posto Bergamo e può guardare con più fiducia al girone di ritorno, che inizia già sabato 18 gennaio, alle 18, di nuovo in trasferta sul parquet degli Amicacci Giulianova.

TABELLINO

SANTA LUCIA ROMA - STUDIO3A MILLENNUM BASKET 64-67

Parziali: 10-22, 16-20 (26-42), 21-10 (47-52), 17-15.

STUDIO3A MILLENNUM BASKET: Boughania 24, Bargo 18, Diene 10, Foffano 6, Raourahi 5, Bernardis 2, Casagrande 2 All. Nardo



Email inviata con successo

Il Fila vince in rimonta contro Battipaglia

13/01/2020 07:32

Il Fila si aggiudica una gara dai due volti a Battipaglia, rimontando con un gran secondo tempo uno svantaggio che aveva toccato anche le 17 lunghezze. Le giallonere, che ritrovavano coach Abignente in panchina ma dovevano fare a meno - oltre a Pasa e Dotto - di Sulciute, tenuta a riposo per un acciacco fisico, hanno sofferto nel primo tempo. Battipaglia ha dominato in area pitturata (ben 18 rimbalzi offensivi, 12 solo di Jarosz) ed è scappata via, ma poi nella seconda metà di gara San Martino ha registrato la difesa (solo 17 punti concessi, a fronte dei 37 del primo tempo) e messo in piedi una rimonta culminata proprio nel finale. È arrivata così la prima vittoria del 2020 per le Lupe, che vale il ritorno al quarto posto in solitaria.

1° QUARTO. Sembrano partire bene le ospiti, avanti 2-8 dopo 4' con un parziale tutto firmato Bjorklund. L'americana sarà però l'unica giallonera a segnare nel primo quarto, mentre dall'altra parte Battipaglia entra gradualmente in partita, grazie anche ai tanti secondi possessi. Dalla lunetta arriva prima il pareggio con Ciabattoni e poi il sorpasso con Jarosz, e la frazione si chiude sul 12-8 per le padrone di casa.

2° QUARTO. È un parziale che la Omeps prolunga nella seconda frazione fino al 18-0, arrivando a toccare il 20-8 al 13'. I liberi di Ostarello e Toffolo non sembrano cambiare l'inerzia, e con Jarosz e Ciabattoni Battipaglia tocca il massimo vantaggio sul 28-11 del 15'. Poi finalmente il 2+1 di Fietta torna a sbloccare le Lupe dal campo dopo più di 10', e a quel punto 5 punti in fila di Ciavarella restituiscono il 32-20. Ancora quest'ultima riporta poco dopo le sue a -9, anche se all'intervallo lungo le padrone di casa sono ancora in controllo sul 37-25.

3° QUARTO. Nell'intervallo coach Abignente prova a dare una scossa alle Lupe, che aprono il terzo periodo con una tripla di Filippi, a lungo in panchina con tre falli nel primo tempo. San Martino prova a crederci, grazie anche a una difesa finalmente più efficace, e così Sandri e Ostarello riducono lo scarto: 39-34 al 25'. Alle padrone di casa non entra il tiro da fuori (0/14) ma il punteggio si muove dalla lunetta, dove peraltro la percentuale è tutt'altro che stellare. Al 28' c'è allora la tripla di Tonello per il -2 (43-41), e poi l'antisportivo fischiato a Ciabattoni permette a Ciavarella di trovare anche il -1, prima del canestro della stessa Ciabattoni che fissa il 48-45 del 30'.

4° QUARTO. Ora però l'inerzia è dalla parte del Fila, che ancora con Ciavarella (alla prima doppia cifra della carriera in A1, con 13 punti) realizza in apertura di quarto periodo la tripla che vale l'agognato pareggio. Poi Toffolo e Ostarello rispondono a Ciabattoni, in un quarto periodo equilibratissimo. Il sorpasso si concretizza finalmente al 36' con la penetrazione di Fietta del 54-56, mentre in difesa con le unghie e con i denti le Lupe riescono a limitare le avversarie. Il punteggio rimane così congelato fin quasi alla fine. A 7" dalla sirena Battipaglia avrebbe il pallone del supplementare, ma c'è il fallo su Jarosz che - in una partita da 18 punti, 24 rimbalzi e 9 falli subiti - incappa in uno 0/2. Arriva così il fallo sistematico, e a Filippi basta il primo libero per chiudere l'incontro, perché poi sul rimbalzo la partita si chiude con la sudata e sospirata vittoria del Fila.

TABELLINO

O.ME.P.S. Givova Battipaglia - Fila San Martino 54-57

POLISPORTIVA BATTIPAGLIESE: Cremona 8 (2/6), Nori 5 (1/7), Galbiati 5 (2/4, 0/3), Ciabattoni 16 (7/11, 0/6), Montiani ne, Sasso (0/1 da tre), Scarpato ne, Opacic ne, Mazza 2 (1/3, 0/3), Bisogno ne, Mattera (0/2), Jarosz 18 (5/17, 0/1). All. Orlando.

BASKET SAN MARTINO: Fietta 5 (2/5, 0/1), Filippi 4 (0/4, 1/5), Tonello 3 (0/1, 1/5), Toffolo 4 (1/4, 0/2), Ciavarella 13 (1/2, 3/4), Bjorklund 14 (2/6, 2/6), Pasa ne, Sulciute ne, Sandri 8 (3/9), Ostarello 6 (1/6). All. Abignente.

ARBITRI: Salustri di Roma, Marziali di Frosinone e Patti di Montesilvano (PE).

PARZIALI: 12-8, 37-25, 48-45.

NOTE: Uscita per 5 falli: Ciabattoni (40'). Fallo antisportivo: Ciabattoni (30'). Tiri da due: Battipaglia 18/50, San Martino 10/37. Tiri da tre: Battipaglia 0/14, San Martino 7/23. Tiri liberi: Battipaglia 18/29, San Martino 16/21. Rimbalzi: Battipaglia 53 (Jarosz 24), San Martino 43 (Ostarello 11). Assist: Battipaglia 15 (Cremona 6), San Martino 18 (Fietta 4).

Email inviata con successo

"Col Montebelluna saremo attenti e propositivi"

10/01/2020 11:06

Il Campodarsego si prepara per la prima sfida casalinga del nuovo anno. Dopo aver cominciato il girone di ritorno col piede giusto, battendo in extremis l’Union Feltre una settimana fa, domani alle 14.30 i biancorossi tornano al “Gabbiano” dove sfidano il Montebelluna per continuare la loro marcia in testa alla classifica. Si gioca di sabato, in anticipo di 24 ore rispetto al calendario previsto dal momento che mercoledì prossimo il girone C tornerà nuovamente in campo per il turno infrasettimanale. Ecco le dichiarazioni del tecnico del Campodarsego, Antonio Andreucci, alla vigilia della sfida.

Sulla squadra: “Diciamo che rispetto alla prestazione di Villafranca, con la quale avevamo chiuso il girone d’andata, domenica a Feltre abbiamo fatto meglio, siamo stati più compatti e abbiamo giocato uno scontro diretto, contro una squadra molto forte, sapendo soffrire. Questa sarà una costante di queste partite, per cui quello che volevo vedere l’ho visto: sto vedendo l’umiltà che volevo da parte della squadra. Normale però, che per continuare la nostra strada dovremo anche continuare a lottare come stiamo facendo. Ora mi aspetto un passo in avanti per ciò che riguarda la condizione, ci sono dei ragazzi che vengono da infortuni e che devono ritrovare la forma migliore”.

Sulla gara di domani: “Partita difficile, perchè il Montebelluna è una squadra che si sta costruendo la sua salvezza, con giocatori di esperienza come Caso, Fabbian, Fasan, Celestri che è molto bravo e che conosco perchè l’ho avuto a Trieste, oltre al portiere Pigozzo che conosciamo bene perchè è stato nel nostro settore giovanile. Sarà una partita ostica, che dovremo affrontare con grande determinazione: loro sono una squadra che gioca un buon calcio, ripartono bene con i loro attaccanti veloci, dovremo essere molto attenti e centrati sulla partita”.

Sulla formazione: “Annoni ha avuto qualche linea di febbre e spero di averlo a disposizione, abbiamo recuperato Gabbianelli che in uno scampolo di partita a Feltre ha fatto già vedere buone cose, e che per noi è molto importante, così come Tonelli che si è sempre allenato con la squadra questa settimana. D’Appolonia spero di averlo presto, su Montin dobbiamo ancora valutare bene la sua situazione”.

Sull’atteggiamento: “Giochiamo in casa e dobbiamo sfruttare bene il nostro terreno di gioco. Ma soprattutto dobbiamo proporci con continuità, senza scoprirci: voglio vedere dai miei una gara attenta e propositiva”.

Email inviata con successo

Calcio Padova C5 è ora una scuola calcio Elite

10/01/2020 08:08

La società biancoscudata, in base a quanto contenuto nel Comunicato Ufficiale 60 del 23/12/2019 emanato dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, informa di aver superato le fasi di controllo sin qui effettuate dagli organi competenti e di essere stata pertanto riconosciuta come “Scuola di Calcio a 5 Èlite” per la stagione 2019/2020.

Il Calcio Padova C5 avrà dunque il privilegio di rappresentare la prima realtà di fùtsal operante nel territorio padovano (e la quarta in tutto il Veneto) a possedere tale qualifica. I requisiti più importanti da soddisfare per ottenere il riconoscimento sono in primo luogo lo svolgimento di attività per tutte le categorie di Scuola Calcio a 5, con un numero minimo atleti indicato dalla FIGC e la partecipazione ai principali tornei e manifestazioni federali ufficiali. Ogni squadra deve essere affidata poi ad uno o più istruttori qualificati garantendo l’adeguato rapporto tecnici/giocatori. Infine la società è tenuta a sottoscrivere una convenzione con almeno un istituto scolastico e organizzare incontri formativi aperti a chiunque ne abbia interesse, oltre a dotare le proprie squadre di spazi e attrezzature a norma.

Questo il commento del Responsabile della Scuola Calcio a 5, nonché promotore principale di questa iniziativa, Federico Giancarlo Belviso: “Ringrazio innanzitutto la società per gli sforzi fatti al fine di ottenere un riconoscimento importante e per aver creduto in un progetto molto ambizioso. Siamo finalmente riusciti ad imporci come una delle migliori realtà per quanto riguarda gli aspetti formativi ed educativi a livello regionale, aggiungendo così un nuovo tassello alla storia sportiva del Calcio Padova C5. La gioia che provo voglio condividerla con tutti gli istruttori, i dirigenti, le famiglie, gli enti che ci hanno supportato, oltre ovviamente agli atleti che hanno reso possibile tutto questo. Non possiamo comunque ritenerci appagati, dovremmo continuare a lavorare con impegno, sacrificio e passione per garantire che la qualifica Scuola di Calcio a 5 Èlite sia a lungo associata ai colori biancoscudati”.

Email inviata con successo

La Millennium basket riparte da Roma

09/01/2020 08:05

Sabato, alla ripresa del campionato di Serie A, insidiosa trasferta con il Santa Lucia per gli uomini di coach Nardo, reduci dal primo successo.

Rilanciata dal primo, rigenerante successo nel campionato di serie A di pallacanestro in carrozzina, maturato il 21 dicembre a Sassari, e ricaricate le pile durante la sosta natalizia, la Studio3A Millennium Basket sabato 11 gennaio 2020 torna sul parquet, ancora in trasferta in quel di Roma contro l’ostico Santa Lucia: il match, il primo dell’anno solare e l’ultimo del girone di andata, inizierà alle 17 al palasport dell’istituto Pacinotti, in via Pasquariello 27. Obiettivo dei patavini, ora che hanno “rotto il ghiaccio”, dare continuità ai risultati per raggiungere una posizione più rassicurante in classifica. Coach Marco Nardo può contare su tutta la rosa a disposizione.

Email inviata con successo

Campodarsego corsaro a Feltre, vittoria 1-0

06/01/2020 08:44

Email inviata con successo

Chris Verzotto dalla Virtus a Riese Pio X

04/01/2020 16:18

L’Antenore Energia Virtus Padova comunica di aver ceduto a titolo definitivo la guardia classe 1999 di Campodarsego Christian Verzotto alla società The Team Riese, militante in Serie C Gold. La società, lo staff e tutto il mondo Virtus mandano il loro più affettuoso in bocca al lupo a Christian per questa sua nuova avventura dopo nove anni vissuti in neroverde tra settore giovanile e la passata stagione con la prima squadra di coach Rubini.


La scorsa stagione Verzotto in Serie B ha infatti collezionato 13 presenze e 81 minuti giocati, con 18 punti messi a referto, tra cui 4 triple realizzate su 10 tentativi.


«Sono entrato in Virtus quando avevo 11 anni arrivando dall’Orfeo» racconta Verzotto. «Qui ho fatto tutta la trafila del settore giovanile arrivando fino alla prima squadra, col debutto in Serie B arrivato la scorsa stagione contro Olginate alla prima di campionato. Questi colori ormai ce li ho sulla pelle ed è per me una sensazione particolare lasciare questa società dopo tanti anni. Sono molto orgoglioso di quello che sono riuscito a fare lo scorso anno insieme agli altri Under, complice un roster un po’ corto siamo riusciti a trovare spazio in una squadra da vertice in Serie B ma credo che siamo stati in grado di dare il nostro aiuto alla squadra sia in allenamento che in partita quando venivamo chiamati in causa. Ad aprile ho avuto un infortunio che mi ha tenuto fuori nel finale di stagione, ma ho sempre seguito fino alla fine la squadra perché la sentivo a tutti gli effetti anche mia; anche nella trasferta di gare 3 di Vigevano non sono voluto mancare seguendo i miei compagni dagli spalti.


Ringrazio coach Rubini, lo staff, i compagni di squadra e tutta la società per questa grande esperienza. Ora per me comincia una nuova avventura a Riese dove sono convinto di poter portare le mie qualità e far fruttare tutta l’esperienza accumulata in Virtus, arrivo con grande entusiasmo e voglia di fare bene. Personalmente spero che questo non sia un addio ma un arrivederci, per me Virtus è stata una famiglia che mi ha insegnato tanto sia a livello sportivo che a livello umano e un giorno mi piacerebbe che le nostre strade si potessero rincontrare».

Email inviata con successo