Assindustria: gli atleti impegnati nel wekkend

21/02/2020 12:08

Tricolori e convocazioni, sono giorni intensi per gli atleti di Assindustria Sport Ad Ancona, sabato e domenica andrà in scena un’edizione molto attesa dei Campionati Italiani Assoluti indoor, che assegneranno 28 titoli nazionali. Il club gialloblù per l’occasione schiererà sette elementi, alcuni dei quali reduci dalla trionfale spedizione di un paio di settimane fa ai Tricolori under 23, proprio nel capoluogo marchigiano.

A capitanare idealmente la squadra è l’atleta più giovane, Hope Esekheigbe, sprinter diciottenne capace di conquistare la medaglia d’oro fra le juniores abbassando il proprio personale di 9 centesimi, fino a scendere a 7”48. Nella stessa categoria era salita sul terzo gradino del podio Rebecca Pavan, miglioratasi al coperto sino a salire a un metro e 78 nell’alto e ora in pedana alla ricerca di ulteriori progressi. Ma una menzione la merita sicuramente anche Carol Zangobbo, medaglia di bronzo a livello assoluto nella scorsa edizione degli Assoluti estivi e di nuovo pronta a dare il meglio di sé nel lungo.

Ad Ancona non sarà invece presente Veronica Zanon, dal canto suo già proiettata sulla trasferta di Minsk (in Bielorussia) che affronterà con la nazionale italiana under 20 martedì 25 e mercoledì 26 febbraio. Della squadra azzurra, composta da molti dei protagonisti dei Tricolori di categoria, fanno parte 13 uomini e 14 donne, tutti nati nel 2001 e 2002 e tra questi spicca Veronica, che gareggerà nel salto triplo, dopo aver portato il record italiano juniores a 13.65 metri. Nella capitale bielorussa si gareggerà in 12 specialità individuali maschili e altrettante femminili, con un atleta per ogni squadra. Alla manifestazione sono attese 12 nazioni: oltre all’Italia e ai padroni di casa, hanno aderito Azerbaigian, Estonia, Israele, Kazakistan, Lettonia, Lituania, Polonia, Spagna, Turchia e Ucraina.

Ecco gli atleti di Assindustria Sport in gara ad Ancona:

- UOMINI. 60: Fabrizio Ceglie; 60hs: Cristopher Cecchet; asta: Matteo Miani.

- DONNE. 60: Hope Esekheigbe; 60hs: Martina Millo; alto: Rebecca Pavan; lungo: Carol Zangobbo.

Email inviata con successo

La serie B per la Fondazione Meyer

20/02/2020 10:39

Il calcio scende in campo per i bambini del Meyer: la prossima giornata del campionato di Serie A TIM e Serie BKT, la venticinquesima, sarà tutta dedicata all’Ospedale pediatrico fiorentino e alla sua Fondazione. In tutti gli stadi italiani sarà promosso il numero solidale 45594 attraverso il quale sarà possibile far arrivare il proprio sostegno alla Fondazione Meyer per la realizzazione del nuovo reparto di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

Lega Serie A e Lega Serie B confermano il loro impegno per il mondo dei giovani, al quale il calcio è rivolto come modello di formazione e crescita sia sportivo che di socialità.

Il presidente della Lega B Mauro Balata sottolinea come il sostegno al Meyer proceda in continuità con la progettualità per il terzo settore realizzata in questi anni dalla Lega con il progetto B come Bambini, "che vede nella sua finalità principale il sostegno ai famigliari dei bambini ospedalizzati nelle principali pediatrie italiane, fra cui proprio il Meyer. Un dovere essere vicino a loro e contribuire a un sorriso".

Email inviata con successo

Millenium Basket chiamata all'impresa

20/02/2020 10:26

Sfida difficilissima, sabato 22 febbraio 2020, con palla a due dalle ore 20 al palazzetto dello sport “amico” di Piombino Dese, per la Millennium Basket. Padova, per il match valido per la quarta giornata del girone di ritorno del campionato di serie A di pallacanestro in carrozzina, ospita la Santo Stefano Avis, campione d’Italia in carica e attuale capolista del torneo: all’andata, al palasport di Porto Potenza Picena, finì 76 a 61 per i padroni di casa.

I marchigiani finora hanno perduto solo una gara su dieci, quella di sabato scorso contro Porto Torres, seconda, e vorranno ovviamente rifarsi subito per mantenere la vetta. Ma dovranno prima fare i conti con gli uomini di coach Marco Nardo, sesti in graduatoria, che venderanno cara la pelle e ce la metteranno tutta per sovvertire il pronostico avverso e per riscattare a loro volta l’opaca prova fornita la scorsa settimana in trasferta contro Cantù.

Email inviata con successo

Ragazzi di una comunità allo Stadio con Longhi

20/02/2020 09:40

Che lo sport sia fattore di integrazione non lo scopriamo certo adesso, ma che il calcio "dei grandi" possa essere un'occasione di crescita e di riscatto sociale per "i piccoli" che il calcio lo praticano con passione, non sempre è altrettanto scontato.

Così merita di essere segnalata l'iniziativa di Damiano Longhi, ex capitano del Padova in serie A, che a margine del suo impegno all'Asd Juvenilia di via Tiziano Minio, all'Arcella, dove aiuta i piccoli atleti a migliorarsi nella tecnica, ha accompagnato alcuni ragazzi che giocano nel club arancionero ad assistere alla partita del Calcio Padova allo stadio Euganeo.

In particolare, sono stati i giovani portacolori dell'Asd Juvenilia che sono ospiti della Comunità Educativa Minorile "Giovanni Danieli" ad essere ospiti del Calcio Padova e a vedere così da vicino i propri beniamini. "Mi sento di ringraziare Damiano Longhi - ha detto il presidente dell'Asd Juvenilia, Giovanni Vianello - per la bella intuizione e con lui il presidente del Padova Calcio, Daniele Boscolo Meneguolo per la cortese ospitalità nonchè il referente della Comunità, Marco Esco ,per la bella opportunità offerta a questi ragazzi che nel nostro club hanno trovato non solo compagni di gioco ed allenatori e dirigenti che sono prima di tutto educatori, ma anche una "famiglia", questa volta sportiva, che gli ha permesso, oltre che di allenarsi e di giocare, anche di assistere ad un bello spettacolo di sport e, perchè no, magari di sognare in grande".

Email inviata con successo

La Luparense cade ma ci sono segni di ripresa

18/02/2020 12:01

Bisogna guardare oltre il risultato perchè la Luparense c’è. È proprio il patron dei Lupi che rilascia dichiarazioni di fiducia e conforto nei confronti del suo team: "Non è facile spiegarlo, è più semplice “viverlo”: c’è entusiasmo, nonostante tutto, perchè i giocatori e lo staff sentono di aver intrapreso la strada giusta. Nel calcio non esistono “stregoni con bacchette magiche”: bisogna mantenere la calma e restare concentrati. Momenti di calo sono fisiologici, ne usciremo più forti di prima. Io credo nei miei ragazzi e loro credono nella Luparense".

La cronaca del match vede gli ospiti partire bene: cross di Marangon, destro al volo di Ferretti e salvataggio sulla linea capitan Salviato. Alla prima sortita offensiva rossoblu arriva il rigore per i padroni di casa: dal dischetto va Pittarello che incrocia bene e porta avanti la Luparense, siglando il suo quindicesimo gol in campionato. I granata spingono in maniera importante ma la squadra di Centurioni resiste e si riaffaccia in avanti al 38’ con una bella azione manovrata: Scapin frusta di testa da centro area e Zennaro blocca in volo plastico.

La ripresa inizia col botto, ed è subito Scapin a cogliere un clamoroso palo con un gran sinistro al volo. Dal mancato 2-0 all’ 1-1: corner di Duse, sponda all’altezza del primo palo e Ferretti, tutto solo sul palo lungo, insacca. La gara ora è davvero godibile fino all’episodio del rigore per gli ospiti: contatto aereo che vede Baccolo finire a terra, Ferretti si incarica della battuta e realizza di potenza per il sorpasso. Sull’onda emotiva del 2-1 arriva il tris con la magia di Marangon, che salta l’uomo al limite e fa girare il destro nell’angolo alla sinistra di Burigana. Nel finale arriva il 2-3 di Salviato che premia la determinazione dei Lupi… senza portare punti ma mettendo in cascina esperienza e voglia di rivalsa.

TABELLINO

LUPARENSE (4-3-3): Burigana; Pedrelli (29’ st Busetto), Bozzato (29’ st Della Vedova), Salviato, Seno; Cenetti (23’ st Gashi), Trento 5.5 (29’ st Bedin), Scapin, Camara, Pittarello, Moras. All: Centurioni

CLODIENSE (4-3-1-2): Zennaro; Martino, Ballarin, Cuomo, Biolcati (37’ st Ostojic); Duse, Erman (45’ st Djuric), Porcino; Baccolo; Marangon (37’ Pastorelli), Ferretti (43’ st Perrotti). All: Vittadello

Arbitro: Peletti di Crema

Reti: 14’ pt Pittarello (rig), 2’ e 17’ (rig) st Ferretti, 22’ st Marangon, 48’ st Salviato

Email inviata con successo

Il Campodarsego cade in casa Cjarlins Muzane

18/02/2020 11:57

Travolto dalle assenze e anche bersagliato dalla sfortuna, il Campodarsego incappa nella prima sconfitta casalinga della sua stagione. La capolista mantiene comunque 5 punti di vantaggio sulla seconda in classifica, ma il Cjarlins vince 2-0 e viola per primo il terreno del “Gabbiano” quest’anno. La formazione di Andreucci, anch’egli costretto in tribuna per squalifica, non demerita e anzi, avrebbe meritato sicuramente il pari, ma nonostante un prova di carattere a dispetto delle tante defezioni, non riesce a concretizzare le occasioni create.

La gara si blocca al 9′ del primo tempo, quando l’ex Kabine segna il vantaggio friulano sugli sviluppi di un calcio piazzato, con la palla che passa tra una selva di gambe e beffa Voltan. Al 18′, però, avviene un episodio cruciale: Finazzi calcia in porta e colpisce la traversa prima di ricadere a terra. L’arbitro non convalida il gol, ma la netta sensazione è che la palla avesse oltrepassato eccome la linea di porta: tra le veementi proteste dei padroni di casa, nulla di fatto. Il Campodarsego, che perde addirittura pure Nikolopoulos dopo uno scontro di gioco, ci prova prima dell’intervallo con Tonelli, Callegaro e Mazzucca, ma senza fortuna. Ad inizio ripresa, Finazzi impegna ancora Sourdis alla parata (7′), mentre al 22′ il colpo di testa di Bechini sorvola lo specchio della porta. Al 25′ arriva quindi la doccia fredda: Bussi, con un preciso colo di testa, timbra lo 0-2 che punisce i padroni di casa ben oltre i loro demeriti. Nel finale, con la forza della disperazione, il Campodarsego ci prova dalla distanza prima con Amadio e poi con Sguotti, ma il risultato non cambia più.

TABELLINO

CAMPODARSEGO-CJARLINS MUZANE 0-2

CAMPODARSEGO: Voltan, Annoni, Acquistapace, Cavallini, Montin, Boscolo Bisto, Callegaro (37′ st Sguotti), Finazzi, Amadio, Tonelli, Nikolopoulos (28′ pt Mazzucca, 18′ st Bechini). A disposizione: Aspergh, Gabbianelli, Giacomini, Leonarduzzi. Allenatore: Andreucci.

CJARLINS MUZANE: Sourdis, Ndoj, Facchinutti (15′ st Lugnan), Tobanelli, Tonizzo, Migliorini, Ruffo (41′ st Gubellini), Pez (37′ st Comisso), Kabine (29′ st Santi), Longato, Bussi (33′ st Dussi). A disposizione: Calligaro, Mantovani, Zuliani, Burba. Allenatore: Moras.

Arbitro: Lingamoorthy di Genova (Chillemi-Lauri).

Reti: 9′ pt Kabine, 25′ st Bussi.

Note: ammoniti Boscolo, Tonizzo, Migliorini, Bechini, Callegaro e Acquistapace. Calci d’angolo 6-1. Recupero 2′ e 5′.

Email inviata con successo

Il Giro in Fiera Monselice c’è

15/02/2020 17:10

Questa mattina, in occasione dell’inaugurazione del Cosmo Bike Expo di Verona, si è tenuta la presentazione delle Città di Tappa Venete; tra gli ospiti anche il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia.
Presenti in prima linea a rappresentare Monselice: il sindaco Giorgia Bedin e il consigliere Emanuele Rosina.

Email inviata con successo

Monselice e le tappe venete del Giro

15/02/2020 16:03

Sono state presentate a CosmoBike Show a Verona Fiere, le tappe del prossimo Giro d’Italia che interesseranno la Regione Veneto. La Corsa Rosa, organizzata da RCS Sport / La Gazzetta dello Sport, andrà in scena dal 9 al 31 maggio. La prima tappa veneta, in ordine cronologico, interesserà la provincia di Padova con l’arrivo a Monselice venerdì 22 maggio. Il giorno successivo impegnativa frazione a cronometro, interamente nella provincia di Treviso, da Conegliano a Valdobbiadene. È la Prosecco Superiore Wine Stage. Mercoledì 27 maggio sarà Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, ad essere sede di partenza di una delle tappe di montagna del Giro, quella che terminerà a Madonna di Campiglio.

Email inviata con successo

Millenium Basket: sfida contro Cantù

14/02/2020 09:43

Doppia sfida incrociata con la blasonata Cantù, nel fine settimana, per Millennium Basket. La prima squadra allenata da coach Nardo, rilanciata dalla fondamentale vittoria su Bergamo che l’ha proiettata al sesto posto in classifica, sabato 15 febbraio 2020, dalle ore 20.30, per la terza giornata del girone di ritorno del campionato di serie A di pallacanestro in carrozzina, è attesa dalla durissima trasferta al palasport di Meda contro la Briantea84, vice campione d’Italia in carica e attuale terza forza del torneo.

La formazione giovanile delle Iene campione d’Italia, invece, domenica 16 febbraio, alle ore 15, al palazzetto dello sport di casa di Piombino Dese, ospita i pari età della società cestistica lombarda in un incontro valido per la quinta giornata di andata del campionato nazionale di categoria, girone A. I ragazzi di coach Da Villa sono chiamati all’immediato riscatto dopo la sconfitta subita domenica scorsa – la prima dopo un anno di imbattibilità – a Firenze con la capolista Menarini.

Email inviata con successo

Bella partita delle Lupe ma derby va alla Reyer

14/02/2020 07:47

Finisce nella maniera più amara, per il Fila, il derby d'alta classifica con la Reyer. L'Umana espugna il parquet di San Martino di Lupari all'ultimo secondo, con un buzzer beater di Petronyte, dopo che le Lupe avevano guidato nel punteggio dal 6' del primo quarto fino, appunto, all'ultimo possesso della gara. Nonostante l'inevitabile delusione, che fa scivolare le giallonere a -6 dal terzetto di testa, rimane comunque una partita che deve dare morale e convinzione alle ragazze di Abignente. Il campo ha infatti detto che le Lupe, uscite tra gli immancabili applausi di un pubblico straordinario, hanno tutte le qualità per giocarsela anche con le grandi del campionato, tanto più che l'impegno era stato affrontato con il forfait all'ultimo secondo di Jazmon Gwathmey, tenuta a riposo precauzionale per un piccolo problema muscolare.

1° QUARTO. Ad aprire l'incontro è un canestro allo scadere dei 24" di Carangelo, a cui risponde subito Sulciute da dietro l'arco. Nelle prime fasi Venezia prova a tenere la testa, portandosi sul 5-8 al 4' coi canestri di Steinberga e Petronyte. La reazione giallonera è però affidata a Fietta, Sulciute e Ostarello, autrici di un 6-0 che vale il sorpasso. Con la pregevole conclusione di Filippi e i bersagli della stessa Ostarello (già a quota 10 punti nei primi 10'), il Fila prova anche un primo mini allungo sul 21-14.

2° QUARTO. Penna e De Pretto riavvicinano le lagunari in avvio di secondo periodo, sul 23-21. Ma San Martino c'è: Ciavarella apre e chiude un altro minibreak di 6-0, replicato poco dopo da Fietta e Filippi. A 3' dall'intervallo, le padrone di casa toccano quindi il loro massimo vantaggio sul +12, 35-23. Si sblocca Anderson e lo stesso fa dall'altra parte Bjorklund, ma poi la bomba di Carangelo (la prima a segno per le ospiti dopo 11 errori) fissa il 37-30 con cui si va all'intervallo. Anche perché dall'altra parte il coast to coast in chiusura di Pasa, che in meno di 5" si beve tutto il campo, non è premiato dal ferro.

3° QUARTO. San Martino riparte dopo l'intervallo con la tripla del nuovo +10 firmata Ostarello, ma poi la Reyer recupera terreno con Steinberga, brava anche ad andarsi a prendere diversi viaggi in lunetta. Dall'altra parte invece qualche fischio tarda ad arrivare, facendo innervosire la panchina giallonera che vorrebbe una maggior tutela: al 30' saranno appena 6 i liberi tentati dalle padrone di casa contro i 16 delle avversarie. Ora l'Umana ha tutta l'inerzia dalla sua: De Pretto fa -4 (44-40), poi nonostante la risposta di un'ottima Ciavarella (9 punti con quattro canestri uno diverso dall'altro) c'è anche il -1 (48-47) con la tripla di Penna.

4° QUARTO. La stessa Penna riacciuffa anche la parità in avvio di quarto periodo, completando una rincorsa durata due quarti e mezzo. Il Fila tuttavia reagisce: Pasa ruba e si invola a firmare il nuovo vantaggio, e poi Bjorklund ritrova il +4. Sarà il filo conduttore di tutta la frazione, che vede le Lupe tentare di scappare nuovamente e le veneziane sempre brave a riprenderle. Entrando negli ultimi 3', ancora Ostarello e una splendida Sulciute (top scorer a quota 16) propiziano il +4 Fila sul 62-58, ma saranno gli ultimi punti per le padrone di casa. Non vanno a segno per esempio i due liberi di Ostarello sul 62-60 a 90" dalla fine, dopo il recupero di Fietta, mentre dall'altra parte Petronyte fa 2/2 e fissa la nuova parità. San Martino arriva agli ultimi possessi col fiato corto, mentre la Reyer è più lucida. Gli ultimi due attacchi delle padrone di casa si concludono così con una palla persa, e dall'altra parte Venezia ha 19" per gestire l'ultima azione. La difesa sembra tenere, e invece all'ultimo secondo Petronyte fa partire un gancio che si appoggia sulla tabella ed entra, regalando il derby all'Umana. Il Fila deve comunque uscire rinforzato da questa prestazione, e sarà chiamato a dimostrarlo già domenica alle 18, nella nuova gara casalinga con Empoli.

TABELLINO

Fila San Martino - Umana Venezia 62-64

BASKET SAN MARTINO: Dotto ne, Fietta 6 (3/8), Filippi 5 (1/3, 1/3), Tonello (0/1 da tre), Toffolo, Ciavarella 9 (3/4, 1/2), Bjorklund 6 (2/7, 0/1), Pasa 5 (2/4), Sulciute 16 (5/7, 1/4), Gwathmey ne, Sandri, Ostarello 15 (4/6, 2/3). All. Abignente.

REYER VENEZIA: Anderson 6 (3/3, 0/6), Bestagno (0/2), Carangelo 5 (1/1, 1/5), Gorini 3 (0/2), De Pretto 15 (3/7, 1/3), Steinberga 13 (4/8, 0/2), Petronyte 10 (3/6), Pastore 2 (1/2), Meldere, Penna 10 (3/4, 1/2), Macchi (0/4, 0/2). All. Ticchi.

ARBITRI: Terranova di Ferrara, Castiglione di Palermo e Culmone di Bologna.

PARZIALI: 21-16, 37-30, 50-48.

NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: San Martino 20/39, Venezia 18/39. Tiri da tre: San Martino 5/14, Venezia 3/20. Tiri liberi: San Martino 7/12, Venezia 19/20. Rimbalzi: San Martino 31 (Sulciute e Ostarello 6), Venezia 38 (Steinberga 11). Assist: San Martino 15 (Bjorklund 5), Venezia 12 (Steinberga e Macchi 3).

Email inviata con successo