PALLAVOLO PADOVA

Santuz su gara rinviata:
"Situazione difficile.."

09/03/2020 14:19

"Siamo arrivati a Milano credendo di giocare regolarmente la partita. 25 minuti prima dell'inizio della gara invece l'allenatore avversario ha detto che non se la sentiva di scendere in campo perché c'era incertezza sulla salute di alcuni atleti che non erano presenti al palasport ma che avevano qualche linea di febbre. Si sono dunque appellati al decreto del presidente del Consiglio per non giocare e a noi non è rimasto che tornarcene a casa". Comincia così il racconto del direttore sportivo della Kioene Pallavolo Padova Stefano Santuz all'indomani del rinvio della partita non disputata ieri a Milano contro l'Allianz a causa dell'alterazione della temperatura corporea di alcuni tesserati della squadra di casa. "L'unica perplessità che nutriamo riguarda i tempi di comunicazione della cosa - aggiunge Santuz - perché non tutti i giocatori che mancavano si erano ammalati mezz'ora prima della partita. Bastava parlarsi il giorno prima per non fare la trasferta ed evitare così i rischi cui abbiamo sottoposto tutta la squadra". Nel tardo pomeriggio di oggi ci sarà una consulta straordinaria di Superlega che andrà in scena in videoconferenza: in un momento delicato e pieno di incertezze come questo la richiesta è chiara da parte delle società ed è: sospendere immediatamente il campionato. "Dobbiamo assolutamente prenderci del tempo per vedere come si svilupperà la situazione che è molto complessa e capire quando poter ricominciare. Ad oggi meglio fermarci". I pallavolisti devono essere "liberati" entro il 15 maggio perché poi scattano le attività della federazione internazionale (Nations League), quindi entro questa data la regular season e i playoff devono essere ultimati. "Se non possiamo sforare quella data vedremo di concludere la regular season intanto - dice Santuz - se si potranno fare i playoff lo vedremo in un secondo momento".


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.